fbpx
Attualità

“Un incubo in casa”, il racconto di M

Buongiorno, sono M.

La situazione che riguarda me e la mia famiglia è diventata estenuante. Sono mesi che viviamo un incubo in casa, i nostri vicini ci stanno rendendo la vita impossibile.

Dopo svariati tentativi di un approccio diretto, abbiamo deciso di muoverci per vie legali e abbiamo compilato una diffida del condominio.

A seguito di minacce da parte di queste persone, abbiamo chiamato la polizia più e più volte, sino al compimento di due denunce che ci hanno portato a nessun risultato.

Stare in casa è un inferno e questa situazione non si verifica unicamente durante il giorno ma soprattutto anche la notte.

Stremati dalla situazione di urla, versi, parolacce e minacce stiamo cercando di insonorizzare tutta la casa a spese nostre, abbiamo chiesto aiuto alle autorità e all’amministratore ma il disagio continua, siamo stati chiamati bugiardi e attori.

Sono mesi che registriamo questa situazione in attesa di qualche autorità che ci aiuti.

Questo malessere che stiamo vivendo ci sta logorando, sono mesi che abbiamo perso la possibilità di dormire e di stare in serenità.

È un calvario continuo che non smette mai: abbiamo iniziato ad odiare questa casa che con molti sacrifici è stata costruita dai miei genitori. Siamo arrivati allo stremo, siamo stanchi di stare zitti e subire le angherie degli altri.

Aiutateci.

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button