Si chiamava “Cidduzzo il barese” – 1978

Cidduzzo il barese, di mattino presto , sembrava un personaggio da cartoni animati, col suo modo di vestire e di parlare, ma anche per la sua faccia sempre rossa. Stesso colore dei suoi capelli

Uannio vattine. I bares tenn a capa tes e all’ammerse‘, mi urlava.

Dopo ore ed ore, Ciudduzzo smetteva di pescare, raccoglieva tutte le sue attrezzature con la sua lunga canna in spalle e se ne tornava a casa con la sporta sempre piena di pesce. A ripensarci oggi, non so proprio come facesse a pescare cosi’ tanto pesce.

Stamane, passando da quel luogo, anche se sovrastato dal Porto turistico, mi è venuto da sorridere per un attimo pensando a Cidduzzo, a come si arrabbiava quando lo disturbavo: Uannio fa scapp li pisc.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*