Politica

Piemontese: “Foggia, ora 150mila passeggeri”

Una giornata storica per Foggia. Il collegamento diretto con Milano, la capitale economica dell’Italia, con Torino, la capitale industriale, con Verona e il suo aeroporto a servizio del Triveneto, area tra le più dinamiche e produttive del Paese, e con Catania dove c’è il più grande aeroporto del Sud è, per #Foggia, l’opportunità di riprendersi la sua storia.

Allungando a duemila metri la pista dell’Aeroporto “Gino Lisa” di Foggia abbiamo scritto un capitolo. Da oggi, con l’individuazione della Lumiwings come compagnia aerea che opererà da e per Foggia, siamo tutti chiamati a scrivere il prossimo capitolo, passando da zero passeggeri all’obiettivo di 150 mila passeggeri nel primo anno.

Non è retorica. È quello che succede quando si concentrano investimenti pubblici importanti per qualificare e potenziare un’infrastruttura strategica: lo si fa per una scelta politica, per la convinzione che sarà utile a cambiare in positivo le cose, non per gioca o per vanità.

Da oggi si apre una sfida nuova e tutta diversa.

Ma, di sicuro, da settembre cambierà qualcosa anche nell’orizzonte mentale delle persone che, da Foggia, potranno decidere di raggiungere, in poco tempo e a prezzi accessibili, città dove accadono tante cose e dove si addensano interessi culturali, economici, professionali e ludici.

Il 16 settembre del 2020, quando con il presidente Michele Emiliano consegnammo allungata a duemila metri la pista del #GinoLisa, dicemmo che avevamo finalmente realizzato la premessa indispensabile per poter vedere operare voli di linea, in un aeroporto che sarebbe stato anche la base più importante della protezione civile italiana. Oggi quella premessa ha fatto scaturire la conseguenza che ci aspettavamo e per cui abbiamo lavorato ogni giorno.

Raffaele Piemontese

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button