fbpx
Attualità

Parliamo Manfredoniano: “Zìcche mò!”

Zìcche mò! escl. = Proprio adesso!

Ho già spiegato il significato di zìcche

Questa espressione mi fa venire a mente una simpatica poesia del nostro concittadino Francesco Granatiero,

Mi sono permesso di trascriverla, con il beneplacito di Francesco, ad uso dei nostri lettori, con la relativa traduzione quasi letterale. È il lamento di San Lorenzo Majorano, nostro Santo patrono.

“M’avèveta chiamé….zìcche mò!”

Eh Segnöre!
m’avèveta chiamé zìcche mò, cu ‘stu favógne
ch’ò ‘ppeccéte mjizze mónne!
Chi me l’avöva düce de fé ‘u Prutettöre de ‘sti mazzangànne
ca ce respègghjene škìtte a Carnevéle,
o a lu spére du cannöne, ‘a Festa Grànne!

Düche jü: nen putöve jèsse, che sacce, Sant’Andònje?
Códde pìgghje vüte a tutta fòrze!
E püre mò ca i Partüte non ce làssene manghe li scòrze!

Nen putöve jèsse San Gennére?
Códde sté chjüne a denére!
Ogni volte ca fé fé tèrne, quatèrne e cinguïne,
mìneme ce abbóške ‘na catenïne!

Nen putöve jèsse San Dumìneche?
A códde enjinde che Chjise e che Palàzze avüte fàtte!
E apprjisse a preggessjöna möje? Škìtte quàtte jàtte!!!

Jü, pòvere Crìste, söpe a ‘stu cavalle pàcce,
chjandéte jìnd’u Cumüne a vedì cèrte fàcce…

Eh, ma mò nen ce la fàzze!
Ve ne sïte scurdéte ca sò rumaste škìtte pe ‘nu vràzze?

Ah! Chi me l’avöva dïce, de fé lu Prutettöre
de ‘stu Pòpele ‘nféme e tradetöre,
ca da tant’anne vé decènne ca sò “amande de frustjire”,
škìtte pecchè chjiche jüne non ò truéte ‘a zïte, o ‘nu mestjire.

La vulüte capì ca sò škìtte ‘nu Sànde, nu pòvere Sande,
ca ve benedüce, all’ammèrse e alla drìtte, a tutte quànde?

Oh, Signore!
Mi dovevate chiamare proprio adesso, con questo favonio che accende mezzo mondo!
Chi me l’avrebbe mai detto di fare il Protettore di questi scansafatiche che si svegliano solo a Carnevale o al rimbombo del cannone quando arriva la Festa grande?  Dico io: non potevo essere, che so, Sant’Antonio? Quello prende voti anche adesso che i Partiti non ci lasciano nemmeno una scorza! [nel senso che si pappano tutto, o che fanno incetta di voti-ndr]
Non potevo essere San Gennaro? Costui è pieno a denari! Ogni volta che fa azzeccare terni, quaterne e cinquine, come minimo guadagna una catenina [una collanina d’oro-ndr]! Non potevo essere San Domenico? A quello che Chiesa e che Palazzo avete fatto! [attualmente sede del Comune-ndr]
E dietro la processione mia? Soltanto quattro gatti…
Io, povero Cristo, in groppa a questo cavallo matto, piantato dentro il Comune [nel Golfalone municipale-ndr] a guardare certe facce..
Eh, ma adesso non ce la faccio (più). Ve ne siete dimenticati che sono rimasto con un solo braccio? [il Vescovo San Lorenzo Maiorano, sul cavallo bianco, nell’atto di attraversare un ponte (Siponto) sotto cui emerge un drago, è raffigurato di profilo, e perciò si vede un solo braccio-ndr]
Ah, chi lo avrebbe mai detto che dovevo fare il Patrono di questo Popolo infame e traditore, che da tanti anni va dicendo che io sia “amante dei forestieri”, solo perché qualcuno non ha trovato [qui a Manfredonia-ndr] una fidanzata o un mestiere adeguato! [come invece è avvenuto per quelli più intraprendenti-ndr]
La volete capire che io sono solo un Santo, un povero Santo che vi benedice, bene o male, tutti quanti?

fonte: https://www.parliamomanfredoniano.it/zicche-mo/

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button