Libri

Paradiso, canto XXIII della Divina Commedia, in dialetto sipontino

LA DIVINA COMMEDIA IN DIALETTO SIPONTINO, a cura del Prof. Pasquale Ognissanti (Archivio Storico Sipontino – Manfredonia).

O vertù bbenigne ca te lli mbrinde
suse mm’à javezéte a darme luche
a ll’ucchje, llà, ca nn’èvene pussinde.
U nome d’u fjore bbèlle c’alluche
matine e sere, tutte me strengètte
ll’aneme p’avvesé u grusse fuche,(90)
cume pe deje luce me specchjètte
u quéle e quande de lla viva stèlle
llà sope vènge, cum’e qua vengètte,
jind’u cile scenni na lucelèlle
furméte a circhje accum’e na corone
lla strengètte, e ggeréte atturn’u jèlle.
Chjunga mèlodije cchjù dolce sone
qua bbasce, e de cchjù ll’anem’a ssè tire
pére nuvele ca squaccéte ndrone.
Accume lla sunéte de quèdda lire
ca ce nguruneve u bbèlle zaffire
e llu cile chjù cchjére ce nzaffire.
“So’ amore angèlich’ije, ca ggire
Lla cundandèzze ca spire d’u vèndre
ca fu lla chése de quisti desire”;
E mm’aggeré, Donne d’u cile, mèndre
vé apprisse a Figghjete e fé lla dije
llu circhje superjore, ca llu cèndre.
acchessì lla ngerchjéta mèlodije,
si, segelleve, e tutt ll’ati lume
sunavene llu nome de MARIJE
U mande rejéle de lli volume
d’u munne, ca cchjù fèrve e cchjù cj’arrive
nd’u fjéte de Ddije e nda lli costume,
sop’a nnuje aveve ndretèrra rive
tande destande ca quèdda parvènze
lla ddu steve angore ne mm’apparive.
Ma nn’avèttere quist’ucchje potènze
de secuté lla ngurenéta fjamme
ca c’javezé appriss’a lla semènze.
E cum’ènfande ca ngondr’a lla mamme
mètte i vrazze, doppe c’u latte mbese
pe ll’aneme ca fis’e fore u nfjamme;
gnune di quiddi candore ci stese
p’a fiamma sove, sì ca tutt’affètte
a semené e qqua bbasce bobolce!
Qqua ce vive e ce gode d’u tesore
Come l’uccello tra le amate foglie/ ha posto il nido dei (suoi) figli nati/ la notte che tutte le cose confonde (nasconde),/ che, per vedere l’aspetto degli amati (desiderati)/ e per trovare il cibo che li alimenta (pasce),/ ogni travaglio (lavoro) lo tiene a base (gradito)./ Pensa (previene il) al tempo sopra la bassa (aperta) foglia (frasca),/ e con un grande affetto aspetta il sole,/ guardando fisso che nasca l’alba;/ così la mia donna (stava) eretta,/ attenta, rivolta verso la plaga,/ dove il sole mostra meno fretta (mezzogiorno);/si che vedendola sospesa e vaga,/mi son fatto come quello che desiderando,/ altro vorrebbe, e sperando si appaga./ Ma poco fu fra uno e l’altro quando,/ dalla mia attesa, dico, e nel vedere/ venne il cielo più e più rischiarando(si)./ E Beatrice disse: “Ecco le schiere/ del trionfo di CRISTO e tutto il frutto/ raccolto nel girare di queste sfere./ Mi è parso che il viso ardesse tutto;/ ed aveva gli occhi di letizia piena/ che mi conviene andare avanti senza costrutto./ Come nel plenilunio sereno,/ Trivia (Luna) ride tra le ninfe eterne,/ che dipingono il cielo come viene (con tutti i seni)/ Ho visto migliaia di lucerne,/ il sole che tutte l’accendeva (illuminava),/ come fa il nostro (sole) le viste superiori (la vista in su);(30)
e per la viva luce traspariva/ la sostanza lucente tanto chiara/ nel mio viso, che non la sosteneva./ O Beatrice, dolce guida e cara…!/Lei mi ha detto: “ Quello che sopravanza / è virtù da cui nulla si separa./Qui è la sapienza e la potenza/ che aprì la strada tra (il) cielo e (la) terra/ che (onde) fu lungo (già) il desiderio./ Come fuoco di nube si chiude,/ per allargarsi tanto, che non vi entra/ e fuori della sua natura (giù) si atterra/così questa mente tra quelle dape (nutimento spirituale, lat. daps, dapis)/ fatta più grande, uscì da se stesssa,/ e che si perse (fesse) e non sa ricordare./”Apri gli occhi per sapere chi sono io;/ tu hai visto cose che possente/ ti sei fatto per mantenre (sostenere) il mio riso.”/ Io ero come quello, che si risente/ della vista dimenticata, e che si ingegna/ inutilmente di riportare nella mente (ricordare)/ quando ascoltai questa offerta, degna/ di tanto grado, che mai termina (si estingue)/ il libro che il passato (preterito) rassegna./Se ora suonassero (parlassero) tutte quelle stese (lingue)/ che Polinnia con tutte le suore (muse) hanno fatto/ del dolce latte loro, sempre a mescere (in abbondanza)/ per aiutarmi al millesimo del vero/ non si verrebbe cantando il santo riso/ e quanto il santo aspetto era intero (puro). (60)
E così, descrivendo il Paradiso/ conviene saltare il poema sacro,/ come chi trova i suoi passi uccisi (recisi)/ ma chi pensasse che il tema pesante/ e la spalla (l’omero) che lo carica (porta)/ non deve bestemmiare (biasimare) se trema sotto di lui,/ né il pileggio (incerto significato: noleggio, navigazione) di piccola barca/ che fendendo l’acqua con la prua tagliente,/ né da nocchierro che di per sé è povero (scarno)./”Perché la faccia se innamora/che non ti confidi (rivolgi) al giardino bello/ che sotto i raggi di CRISTO s’infiora?/Qui è la rosa dove (il) Verbo Divino/ si fece carne; qui sono i gigli/che dall’odote prese il (buon) cammino.”/ Così Beatrice, (Ed) io, che ai suoi consigli/ ero tutto pronto, ritornai ancora/ alla battaglia con le basse (deboli) sopracciglia/ come a raggio di sole che pure va/ (per) nuvola rotta (fratta), già prato di fiori/ ho visto coperta d’ombre la mia vista (i miei occhi);/ho visto così folli di splendori/ illuminati sù da raggi ardenti,/ senza vedere (il) principio del fulgore./ O benigna virtù che te li impronti,/ sopra mi innalzasti (esaltasti) per darmi luogo/ agli occhi, lì, che non erano possenti./ Il nome del fiore bello che sempre invoco/ mattina e sera, tutto mi strinse/l’animo per avvisarmi (trovare) il maggior fuoco. (90)
Come per le due luci mi specchiò (dipinse),/ il quale e quando della stella viva/ che lì sopra vince, come qui vinse,/ da dentro il cielo scese una piccola luce/ forma a cerchio come una corona/ la strinse e si girò attorno a lei./Chiunque melodia più dolce suona/ qui giù, e di più tira l’anima a sé/ sembra nube che squarciata truona./ Come (comparata) la suonata di quella lira/ se ne incoronava il bello zaffiro (Vergine Maria)/ ed il cielo più chiaro si adorna./” Io sono amore angelico, che gira/ la contentezza (grande letizia) che spira dal ventre/ che fu la casa (albergo) dei nostri desiderii (del nostro desiderio)”/ E mi girai, Donna del cielo, mentre/ vai appresso a tuo Figlio, e fai la dia/ del cerchio superiore che lo centra (entra)/ così la melodia incerchiata/ si, sigillava, e tutte gli altri lumi/ suonavano (facevano suonare) il nome di MARIA./ Il manto reale dei (di tutti i) volumi/ del mondo/che più si scalda e più si avviva,/nel respiro di Dio e nei costumi/ sopra di noi la riva interna/ tanto distante da quella (sua) parvenza/ lì dove ero ancora non mi appariva./ Ma non ebbero questi occhi potenza / di seguire la fiamma coronata/che si elevò appresso (la) sua semenza. (120)
E come infante che verso la mamma/ tende le braccia, dopo aver preso il latte/ con l’animo che fin fuori lo infiamma/ ciascuno di quei candori (candide fiamme) si estese/ con la sua fiamma, sì che tutto l’affetto/ loro (avevano) verso Maria mi fu palese./ Regina Coeli, cantando così dolce/ che mai da me se ne uscì il diletto./ O quanta è l’abbondanza che si contiene/ in quelle ricchissime arche, che fuori/a seminare qui giù (fanno) le lavoratrici./ Qui si vive e si gode del tesoro/ che ha preso piangendo nell’esilio/ di Babilonia, dove si lasciò l’oro./ Qui trionfa sotto l’alto figlio/ di Dio e di Maria, della (sua) vittoria/ e con l’antico e con il nuovo concilio/ Colui, che tiene le chiavi della sua gloria. (139) e pe ll’andiche e p’u nuve cunciglje
Cudde, ca ten’ i chjève de lla glorje.(139)
c’ò pegghjéte chjangènne nda ll’èsiglje
de Bbabbellonje, ddica llassé ll’ore.
Qqua trejonfe sott’ a llu granne Figlje
de Ddije e de Marije, d’a vettorje
O quand’abbundanze ca ce soffolce
nda quiddi ricche ricche arche, ca fore
tande rumast’a llà nda llu cuspètte
Regina Coeli, candanne sì dolce
ca méje da mè nn’assì llu delètte.Canto XXIII
Cum’a vucille tra ll’améte fronne
puséte u nide de lli figghje néte
lla notte, ca tutt’i cose confonne,
ca, pe vedì ll’aspètte de ll’améte
e pe truvé llu cive ca lli pasce,
ogne travagghje llu tene abbaséte.
Pènz’ a llu timbe sop’a fronna vasce
e pe nu forte affètte u sole aspètte
fisse guarda
d’aspettanza meje, diche, e nd’a cere
venì llu cile chjù e cchjù schjaranne.
Vejatrice decètte: “ I vì lli schjere
d’u trejonfe de CRISTE e tutt’u frutte
recugghjute nd’u gerè de sti sfere.
Mm’ji parse c’a faccja ardèsse tutte
e ll’ucchje avèsse de lètizja chjene
ca me pjéce ji nnanze sènza costrutte.
Cume nda llu plènilunje serene
Trivia rire tra lli bbevèlle ètèrne
c’appittene llu cile accume vene
àgghje
Mm’ò ditte jèsse: “ Quèdde ca sopavanze
ji vertù, da cché, ninde ce repére.
A qqua ji lla sapjènze e lla possanze
ca japri lli
cchessì questa mmènda tra quiddi dépe
fatte cchjù grosse, da sé stèsse assije
e, ca ce perdì, recurdé ne nzépe.
“Ll’ucchje jépre pe sapì che so’ ije;
tu t’à viste cose ca pussènde
si fatte a mandenì llu rise mije”
Jeve ije cum’e cudde ca ce resènde
da lla vista scurdéte, ca ce ngègne
inutelmènde de repurté mmènde,
quanne sendì sta proffèrte, dègne
de tanda gréde, ca méje fenèsce
d’u libre ca llu passète rassègne .
Se mo sunassere tutte lli ndèsce
ca Polinnia pe tutte i sore ànne fatte
d’u latte lore dolce sèmb’a mmèsce
p’ajutarme a llu mellèseme èsatte
nge verrije, candanne, u sande rise
e quande u sand’aspètte mm’jeve ndatte. (60)
E acchessì screvènne u Paradise
cunvine zumbé llu sécre pojeme,
cum’e chi trove i passe suve accise
ma chi penzasse c’u pesande teme
e lla spalla murtéle ca cj’u carche
nn’uà jastemé se sott’a jisse treme stréde tra cile e tèrre
ca ggià fu longhe lla desederanze.
Cum’e fuche c’a nuvele a dessèrre
p’allarjarce tande, sì, ca nge chépe
e fore d’a natura sove ce ndèrre;
O Vejatrice, dolcja guide e chére…! viste megghjére de lucèrne,
llu sole ca tutte quande appecceve
cume fe llu nustre i viste supèrne; (30)
e pe lla viva luce traspareve
lla sustanza lucènde tande chjére
nd’u vise mije, ca ne lla susteneve.
me so fatte cum’e cudde, c’acchianne
ate vurrije, e speranne cj’appéghe.
Ma poche fu tra june e jate quannenne ca ll’albètte nasce;
chessì a bbevèlla meje n’ èrètte,
attinde, revolte vèrse lla pléghe
addu llu sole mostre mene frètte;
sì ca vedènnele suspese e véghe.

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button