Poesie

Paradiso, Canto XIII, nella versione dialettale sipontina

L’Archivio Storico Sipontino,
per onorare anche a Manfredonia il 700° anniversario della morte di
Dante Alighieri,
ha creduto opportuno continuare a pubblicare la versione dialettale sipontina, curata da Pasquale Ognissanti (come avvenuto nel 2015 in occasione del 750° anniversario della nascita) (2021)

Canto XIII

Mmaggenasse chi de capì ce ngupe
quèdde ch’ è viste (e xetenèsse a cagge
mèndre ca diche, cume nu sderrupe),
quìndecestèlle ca ndadevèrs’agge,
vive fann’ucilend’allu serene,
ca sop’all’arjesténd’allucambagge
mmaggenasseucarre ca nzine vene,
bbast’allucilenustre notte e jurne
c’a rott’utemone ne nvene mene.
Mmaggenasse a vocche de cudducurne
c’accummènzesop’allapond’u stele
ca lla prima rote llivéatturne,
e da jèssedujesègne ce svele,
(cume fece a figghjole de Minuje
quanne de lla morte sendìllugele)
e junendall’ateavìraggesuje
e tutt’e ddujeggerénd’amanere
c’une vénd’u prime e ll’atend’ucuje;
e n’avrijequésell’ombre d’a vere
custellazjone e de lladoppja danze
c’aggereve a llupundeddu me mbere;
po’ ca lundèneji dallanostr’usanze.
quanne da llà a mosse de llaChjéne
ce movellucile c’ a ll’at’avanze
Llà ne ngecandé de Bbacche ePejéne
ma tréPersune a devina nature
e ndajunejèssejipèrsonauméne.
Fenitecandènd’aggjustamesure
cj’ànn’aspettétequiddesande lume
tutte cundènde de fécur’e cure (30)
Rumbìsilènzjea quiddisandenghjume,
doppellaluce ndallasanda vite
d’u povere de Ddije ca ne sfume,
decètte: “Quannellapagghjejistrengite,
quann’asummèndasovejimisse a pposte
a vattell’atudolcj’amorenvite.
Tu pinze ca nd’u pitte, ca lla coste
ce luvé pe furméllabbèllaguange
c’u palatéle a tuut’umunne coste.
e quanne pe llu colpe de lla lange
dope e prime tande ne suddesfece
ca d’ogne colpa fattecebbelange
pe quand’ a lla nature uménelece
avìlli lume tutte fosse nfuse,
de llu valore c’une e ll’ate fece;
però guarde a quèdde ch’è ditte suse,
quann’accundé ca n’avètt’ u seconde
llubbene ca nd’aquinda luce jinghjuse.
Mo jéprell’ucchje ch’ije te reponde
ca vid’u crede tuvee dittemije
farce nd’u vere llucèndr’u rotonde
Quèdde ca ne mmore ma po’ murije
ne nn’ji se no splèndore de ll’ideje
ca ce sgréve, amanne. d’u nustreIddije:
ca quèdda viva luce ca ce creje
d’u lucèndesuve ne ngedescjune,
da Jisse, né d’amore ca penetreje,
pe bondàsove tutt’i raggeadune,
cumespecchjéte a nove sussestènze
ètèrnamènderumanènnejune.(60)
Da qquàdescènde a ll’ultemapotènze
abbasce d’atte in atte ddevenènne
ca nenféchjù ca bbrevecundengènze
e sti cundengènz’ ànn’èsse,ijendènne
lli cose generéte, ca produce
p’asemènze e sènze u cilemuvènne.
Lla cere de quiste e chi ce ll’adduce
ne sténda nu mode, masott’u sègne
idejele, po’ .cchjù o mene alluce:
ca succede ca pe nu stèsselègne,
second’i spèzje, mègghje o pèggefrutte
nascènnevuje pe devèrsengègne.
Se foss’appundequèdda cere addutte
efoss’ucilend’avertù supreme
lla luce d’u seggilleassèsse tutte,
ma lla nature a déjesèmbe sceme
llustéssecumeadoperell’artiste
pe llavèste d’arte e méne ca treme.
Ma s’amore cavete a chjéra viste
de lla prima vertùdespone e sègne
tutte llapèrfèzjoneqquacj’acquiste.
Ggjàacchessì fu fatte atèrradègne
de tutte ll’anemélepèrfèzjone,
acchessì fu fatt’aVèrgeneprègne.
Sì ca descut’ijequèdd’openjone,
c’a natur’uméneméjene nfu,
né fu, cumefu nd’idejepèrsone.
Mo, seije ne ngejèss’ annanzecchjù.
allorecum’jisse fu sènzapére?
pe lli parole avrista dice tu. (90)
Pe vedìbbunecudde ca nn’appére
pinze ch’ jeve ellumutive c’u musse
quanne fu ditte. Dumannevàmbére.
Ne nn’àgghjeparléte, ca tu te nfusse,
bbune vide ca fu re, vulìsènne
ca re pe tutte suffecjéndefusse
no pe sapì u numbre ca llirènne
i motore a qua sope e se necesse
c’u cundengèndeméjenecesse jènne:
No, si est dare primummotum esse,
o se d’u mizzecirchjefé ce pote
trejanghele ca narètte n’avèsse.
E se quèdde ch’è diitte pe sti note,
prudènzarejéle a lluvedìmbére,
c’a frèccja d’a ndezjonameje scote.
E, se sì Surse drizze ll’ucchjechjére
adda vedìschjitte e sole urespitte
a llirrè, asséje, ma bbunerére.
Pe sta ndinzjonepigghjecustu ditte
E putestécchessì pe chi tu cride,
d’u prime Pèdree nustrecoraffitte
E quèstesije a llipidechjummide
pe fartejichjéne, cum’omenzalasse
e llu sì e llu no ca tu ne nvide
ca cuddend’istupedeji u mègghj’jasse
ca sènza capì o affèrme o neje
acchessìndajune e ndall’atu passe,
ca spiss’jissengondrechi predecheje
quèdde ca ce pènzend’ufavezanne
po’ ll’affèttellundèllèttellunghjéje (120)
ca llivijecchjùbbrutte ce ne vanne ,
pecché ne ndorneaccum’jèsse ce move
chi pèsche nd’u vere e nendene canne.
E de quèste a llumunne stanne i prove
Parmenide, Melisse, Brisse e tande,
ca ce nn’èvene e ne nzapènneaddove,
acchessiSebèllje, e Arrje e llisbande,
ca llispéde so’ stéte a lliscretture
i deritte, ndeturteaddevendande.
Ne mbotenejèsselliggènde secure
a ggjudeché com’e quidde ca stime
lla spighe ndèrre prime c’ammature
c’àgghje viste tutte lluvirnembrime
lli prugne farce regide e fèroce,
dopepurtélla rose sop’a cime:
àgghje viste u lègne dritte e vvèloce
corr’umére pe tutte llucamine
e rumbì prime de trasìnd’a foce.
Nn’ànna crede donna Bèrte e Martine
pe vedì nu furére, jate offrì,
vedirlejind’allucunzigljedevine;
ca chi po’ resorge e chi po’ cadì (142) Immagini chi di capire desidera/ quello che ho visto (e conservasse l’immagine), mentre dico, come dura roccia),/ quindici stelle, che in diverse parti/ vivo fanno il cielo nel sereno,/ che su nell’aria sta ogni densità;/ immagini il carro che nel seno viene,/basta al nostro cielo notte e giorno,/ ché rotto il timone non viene meno./ Immagini la bocca di quel corno,/ che iniziò sulla punta dello stelo/che la prima ruota gli va attorno,/ e da lei si svelano due segni/(come fece la figlia di Minosse,/ quando avverti il gelo della morte),/ ed uno nell’altro ad avere il suo raggio/ e tutti e due a girare in maniera/che uno va nel primo e l’altro pure (dopo),/e ne avrebbe quasi l’ombra della vera/ costellazione e della doppia danza,/che girava dal punto dove (vi appaio) io ero,/poi che lontano è dalla nostra usanza,/ quando di lì per moto di Chiana/ il cielo si muove ed avanza tutti./ Lì non si cantò per Bacco ed Apollo,/ ma tre persone di natura divina/ e di una è lei di natura umana./ Terminauto di cantare nella giusta misura,/ ci hanno atteso quei santi lumi,/ tutti contenti di sé per cura a cura (30)

Ruppe il silenzio in questi santi rinchiusi (numi)/ dopo la luce nella santa vita,/ del poverello di Dio, che non sfuma./E disse: “ Quando la paglia è stretta (tritata)/ quando il suo seme è gia riposto (ammassato)/ invita a battere l’altro dolce amore./Tu pensi che nel petto che la costola/ si tolse per formare la bella guangia (Eva),/ il cui palato (l’aver assaporato il pomo) costa a tutto il mondo/ e quando per il colpo della lancia/ dopo e prima tanti ne soddisfece/ che ogni colpa fatta si bilancia (si pesa, valuta),/ per quanto è lecito alla natura umana/ avere i lumi e ne fosse tutta infusa,/di quel valore che l’un l’altro fece./Però guarda a quello che ho detto sopra,/ quando raccontai che non ebbe il secondo/ il bene che nella quinta luce è chiusa/ Ora apri gli occhi che ti rispondo/ che vedi il tuo credo ed il mio dire/ farsi nel vero il centro del cerchio/ Ciò che non muore ma puo’ morire,/ non è se non lo splendore dell’idea/ che partorisce, amando, il nostro Dio (Duce)/ che quella viva luce che si crea/dal suo lucente che non digiuna (si disunisce)/da Lui, né d’amore che entra,/ per sua bontà il suo irradiare aduna/ come specchiata in nove sussistenze,/ restando eternamente uno (60)
Di qui discende l’ultima potenza,/ giù, di atto in atto divenendo,/che più non fa che brevi contingenze,/ e queste contingenze devono essere, io intendo/ le cose generali, che produce/ con semenza e senza, muovendo il cielo./La cera (materia) di questi e chi la conduce,/ non sta in (sol) modo, ma sotto il segno/ideale può, più o meno, luccicare/che succede per uno stesso legno/ secondo le spezie, migliore o peggiore frutto./ voi nascete con diverso igegno./ Se quella cera fosse dedotta a punto/ ed il cielo fosse supremo nella virtù,/la luce del sigillo uscisse tutta;/ ma la natura la dà sempre scema (scarna),/lo stesso come opera l’artista/con la veste d’arte e mano che trema./Ma se amore caldo e chiara vista/ dispone e segna della prima virtù/ tutta la perfezione qui si acquista./ Già così fu fatta, la terra degna/ di tutta animale perfezione,/ così divenne la Vergine pregna (gravida),/ E giacché devo discutere la tua opinione,/che la natura umana mai non fu,/ e sia, come fu ‘n due persone./ Ora, se io non andassi più avanti/ allora come fu Lui senza pari?/ dovresti dire tu con le parole. (90)
Per ben vedere ciò che non appare (non si vede),/ pensi chi era la ragione che lo mosse/ quando fu detto. Chiedi, vai in pari (a domandare)./ Non ho parlato perché tu ti infossi,/ vedi bene che fu re, volle (chiese) senno,/ che fosse re sufficiente,/ non per sapere il numero nel quale sono/ i motori di qui sopra e se necesse/con contingente, mai necesse andare./No , si est dare primummotum esse,/ o se in mezzo cerchio si può fare/ triangolo, si che un retto (angolo) non avesse./ E se ciò che ho detto con queste note;/ prudenza regale impari nel vedere/ poiché la freccia della mia intenzione percuote;/e se si surse raddrizzi gli occhi chiari,/vedrai di avere solamente rispetto/ ai sovrani(che son) molti, ma buoni rari/ Con questa distinzione prendi questo (mio) detto,/ e così puoi stare con chi tu credi/ del nostro padre, il nostro cuoraffetto (diletto),/ e questo ti sia da piombo (peso) ai piedi,/ per farti andare piano come uomo salassato (stanco),/ ed il si ed il no che tu non vedi,/ che quello fra gli stupidi è il miglior asso (ovvero: peggiore),/ che senza capire o afferma o nega,/ così come nell’uno, nell’altro passo (espressione),/ poiché egli spesso incontra che predica (spiega),/ ciò che si pensa, in modo falso,/ poi l’affetto lega l’intelletto (120).
Poiché le vie più brutte se ne vanno,/ perché non ritorni come si muove,/ chi pesca per la verità non ha la canna (non ha arte)./E di questo nel mondo ci sono le prove/ Parmenide, Melisso, Brissoe tanti (molti)/ che se ne andavano non sapendo dove./Così Sebellio ed Ario e gli sbandati (stolti)/ che furono come spade alle scritture,/ i diritti (dei) torti son divenuti,/ Non possono essere (troppo) sicure le genti/ nel giudicare come quel che stima,/ la spiga (biade), a terra prima che maturi/poiché ho visto prima tutto l’inverno/ il prugno farsi rigido e feroce,/ dopo portare la rosa sulla cima/ ho visto il legno (barca) dritto e veloce,/ correre sul mare per tutto il cammino/ e rompersi (arenarsi) prima di entrare nella foce./ Non devono credere donna Berta e ser Marino/ per osservare, di interpretare ed offrire,/ vederli nel consiglio divino,/ che chi può risorgere e chi può cadere. (142)

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button