Nasce un gruppo “ad hoc” per recuperare l’area mercatale

C’è chi imperterrito continua a sporcare e c’è chi invece ha deciso di rimboccarsi le maniche per dare un nuovo volto alla città. Manfredonia negli ultimi tempi sembra essere divisa tra ‘buoni’ e ‘cattivi’ che si scontrano in un estenuante braccio di ferro tra rifiuti abbandonati e clean up.

Grazie all’esempio delle associazioni scese in campo negli ultimi mesi, ecco dunque entrare in azione nei diversi quartieri anche privati cittadini. Colpito dal degrado in cui versa la zona che ospita il mercato giornaliero di via Santa Restituta, Nicola Fusco, libero professionista del centro sipontino, al motto di ‘Manfredonia rialzati’ ha deciso di ‘adottare’ virtualmente l’area inondata da rifiuti di ogni tipo.

Il clean up sarà effettuato nelle giornate del 24 e 25 novembre, aderendo alla manifestazione “Manfredonia? Presente!” che interesserà l’intera città. Sulla scia di quest’inarrestabile onda verde, per Santa Restituta è stato quindi creato un gruppo ad hoc, lanciando anche un appello a chiunque abbia voglia di rimboccarsi le maniche per ridare decoro all’area di Monticchio balzata negativamente alla ribalta negli ultimi giorni. Per contattare Nicola: 346.2875502.

“L’auspicio – spiega – è che ad accogliere l’invito possano essere anche gli stessi residenti dell’area e che tale iniziativa possa sensibilizzare giovani e meno giovani ad evitare di trasformare il mercato in una discarica”. La pulizia di via Santa Restituta farà dunque parte del maquillage previsto a Manfredonia da Siponto a Monticchio, da Viale Michelangelo ai Parchi e alla Zona Croce.

Un modo concreto per ridare un volto ‘pulito’ ed un’identità nuova ad una città smarrita nel suo degrado ed alla ricerca di se stessa.

Maria Teresa Valente




One thought on “Nasce un gruppo “ad hoc” per recuperare l’area mercatale

  1. Residenteneipressi

    Allora,ragazzi ,venite ancora più numerosi e potete sporcare ancora di più tanto ci sono i fessi che verranno a ripulire le vostre malefatte!!!@!Oppure si può evitare tutto ciò intervendo l’altro modo una volta per tutte?Ai posteri ……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*