Attualità Italia

Lucia Annibali, dieci anni dopo lo sfregio con l’acido. “Oggi mi accetto come sono”

Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti

Il 16 aprile 2013 la vita di Lucia Annibali, avvocato ed ex deputato di Italia Viva, è cambiata per sempre. Quella sera, ritornando da casa, il suo volto venne sfregiato con l’acido da due uomini mandati lì, per ucciderla, dal suo ex-fidanzato Luca Varani. Varani è stato condannato a vent’anni di reclusione per tentato omicidio e stalking, mentre i due uomini che hanno commesso il reato sono stati condannati a una pena di 14 anni. Oggi, a distanza di dieci anni da quel tragico episodio, Lucia Annibali ha raccontato al Corriere la sua vita e la sua esperienza. 

“Direi sono già passati dieci anni. Sembra un soffio, eppure se mi volto a guardare indietro vedo un percorso lungo, faticoso, complicato. A onor del vero devo aggiungere che vedo anche soddisfazione e, a tratti, perfino bellezza”. Annibali racconta che il ricordo di quella sera dopo tempo è sfumato, ma non del tutto. “Devo dire che negli ultimi 2-3 anni si è un po’ ammorbidito il ricordo del fatto in sé, non è così vivido. Certo, quando il calendario segna 16 aprile non posso non ripensare alle 21.30 di quella sera. Mi rivedo che infilo le chiavi nella porta di casa mia, rivedo quell’uomo incappucciato che dall’interno la spalanca, che prende la mira e tira l’acido in faccia; dal basso verso l’alto, da destra verso sinistra. E comunque: anche senza ripensare a quel momento preciso va da sé che sono condannata a ricordare ogni santo giorno quel che mi è successo. Basta solamente guardarmi allo specchio ogni mattina”.

Annibali, che si è sottoposta a molti interventi chirurgici, ha ragionato anche sul concetto di bellezza e sul suo accettarsi, dopo dieci anni. “A un certo punto non li ho più contati, sicuramente più di venti. I primi anni l’ospedale lo consideravo casa, diciamo così. Ci andavo volentieri per provare a migliorare questo o quel dettaglio. Adesso non riesco più ad affrontarlo allo stesso modo. Forse è arrivato il momento di accettare che questo viso si può aggiustare ma fino a un certo punto”. 

“In questo periodo mi sento stanca delle mie imperfezioni e nel contempo anche stanca di provare a correggerle di continuo. Oggi sono così come mi vedete, e per arrivarci mi sono sudata ogni traguardo. La nuova Lucia per ora è questa, prendere o lasciare”.

Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti

Articoli correlati