Kick Boxing, stage di Point Fight con il Maestro Rino Magno

Un allenamento durato più di due ore in compagnia del Maestro Rino Magno. Dall’età di quattro anni pratica la Kick Boxing. È un atleta che gareggia da una vita ed ha vinto tutto nella specialità del Point Fight. Tanti sono i campionati a cui ha partecipato, da quelli regionali ed interregionali a quelli italiani, europei e mondiali. Oggi ha 42 anni e rappresenta la Kick Boxing in Italia.

Per la prima volta lo scorso sabato gli atleti e gli allievi della OPAcademy hanno praticato l’arte del Point Fight. Uno sport che ha una vaga somiglianza con il Karate ed è molto diverso dalle discipline che praticano il contatto pieno. Una specialità che insieme al Light Contact, Kick Light, Full Contact, Low Kick e K1 Rules, fa parte delle arti che rappresentano la Kick Boxing.

Dopo le presentazioni ufficiali ed i saluti di Ottavio Panunzio, responsabile e direttore tecnico degli sport da combattimento presso il Centro Sportivo Kendro a Triggiano, specializzato in diverse discipline tra cui Karate, Tae Kwon Do, Kick Boxing, Muay Thai e Pugilato, è iniziato lo stage. Prima un lungo riscaldamento e poi le dimostrazioni tecniche e tattiche di questo sport, e delle sue regole da rispettare durante le gare. Uno sport divertente ed educativo, coordinato, preciso e delicato, dove ci si deve giocare tutto nella partenza, senza mai abbassare la guardia e mettendo a dura prova le gambe che consumano tanta energia. Ci vuole fiato e resistenza per praticarlo.

È stato Francesco Magno, originario di Manfredonia e padre di Rino, a trasmettergli questa passione. Più di 40 anni fa Francesco trascorre un lungo periodo in Germania, dove apprende l’arte della Kick Boxing. Al suo ritorno in Italia decide di diffondere questa disciplina. È stata la prima persona che ha portato il Point Fight in Italia e di preciso in Puglia. Suo figlio Rino ancora oggi continua a diffondere e trasmettere l’amore per questa specialità. «Il Point Fight – spiega il Maestro Rino Magno – è una disciplina bellissima, molto accattivante e avvincente. Una specialità dove bisogna veramente essere furbi, intelligenti e veloci. Uno sport molto completo, sia fisico che mentale. Uno sport di base che può essere un trampolino di lancio per qualsiasi attività e per qualsiasi disciplina o sport da contatto pieno. Sono innamorato di questo sport perché può coinvolgere tutti dall’età di quattro anni fino ai 50 anni».




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*