Politica

Regionali, Italia Viva presenta a Vieste la candidatura di Chiara D’Errico: “Voglio coinvolgere, non convincere”

VIESTE – La campagna elettorale di Italia Viva ha preso il via anche a Vieste dove è intervenuto il candidato Presidente Ivan Scalfarotto per presentare la candidatura della giovane architetto viestana Chiara D’Errico. Una campagna elettorale in piena estate non poteva che partire dalla spiaggia della capitale del turismo pugliese e così è stato visto che nella splendida cornice del Pelikano Beach sul Lungomare Mattei iscritti e simpatizzanti del partito, fondato poco meno di un anno fa da Matteo Renzi, si sono dati appuntamento per incontrare Ivan Scalfarotto e Chiara D’Errico, coordinatrice del comitato di Italia Viva a Vieste.
Gli onori di casa sono stati fatti dal coordinatore provinciale di Italia Viva, Aldo Ragni, e dalla consigliera comunale Annamaria Giuffreda. La dott.ssa Giuffreda ha sottolineato la difficile situazione in cui, a causa della pandemia di Covid 19, i medici di base pugliesi sono stati costretti ad operare e come ancora adesso non si sia provveduto a livello regionale a “fare rete e sistema” tra le realtà ospedaliere e la medicina del territorio, privati anche di un centralino diretto e dedicato per poter segnalare e/o monitorare eventuali futuri casi di contagio nelle singole realtà.
“Il contributo che voglio dare, da candidata, alla corsa di Ivan Scalfarotto per la Regione Puglia, è quello di portare a condividere in tutta la provincia di Foggia, la visione di sviluppo, di futuro e soprattutto di comunità che ha Italia Viva, con lo stesso spirito e lo stesso entusiasmo che solo le esperienze della Leopolda possono dare – ha affermato Chiara D’Errico -. Non voglio convincere le persone ma coinvolgerle, per portarle a mettersi in gioco dando ciascuna come può il proprio contributo di idee come se si fosse tutti idealmente riuniti allo stesso tavolo tematico, facendo della Puglia il primo e più grande laboratorio riformista d’Italia”.
Diversi i temi affrontati dal candidato Presidente Ivan Scalfarotto, dall’avanzata incontrollata della xylella sino alla provincia di Bari, alla sempre aperta questione dell’acciaieria di Taranto, sino alla penosa gestione dei mancati fondi per l’agricoltura legati al Piano di Sviluppo Rurale. Italia Viva, ha sottolineato Scalfarotto, è “un partito che dinanzi a questioni complesse non porta slogan o soluzioni semplicistiche ma una chiara visione di Puglia, una visione a lungo termine, l’unica che possa mettere concretamente al centro dell’attenzione i giovani, il loro futuro e quello che si vorrebbe fosse la regione Puglia da qui a 20 anni”.
Infine Scalfarotto ha invitato a guardare con attenzione al fatto che attorno alla sua candidatura si sia riusciti a costruire una coalizione composta da partiti riformisti ed europeisti come Italia Viva, Azione di Carlo Calenda e +Europa di Emma Bonino.

(comunicato)

Libera Maria Ciociola

Da sempre appassionata di arte, cultura e scrittura oltreché giornalista pubblicista con esperienza decennale nell'ambito giornalistico e della comunicazione (tradizionale e social)

Articoli correlati

Back to top button