Spettacolo Italia

Isola Dei Famosi e i suoi retroscena che Cristina Scuccia chiama“Le trappole del programma”

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele

L’Isola dei Famosi è già terminata da un mese e Cristina Scuccia risponde ai fan. L’ex naufraga ha rivelato di aver sofferto per la noia, non solo il tempo passato senza far nulla a Cayo Cochinos è stato troppo. Cristina ha poi parlato delle ‘trappole’ che ha trovato nel reality e della sua difficoltà nel non cadere nelle provocazioni dei concorrenti. Anche l’Isola Dei Famosi e i suoi retroscena fanno parte dello spettacolo

Cristina Scuccia racconta la sua esperienza a L’Isola dei Famosi

In realtà non si può parlare di divertimento a L’Isola dei Famosi. Perché è un’esperienza dura a livello mentale e fisico, provi la vera fame e poi sei distante da tutti i tuoi riferimenti. Poi una cosa difficilissima da sostenere è il tempo. Avevamo un sacco di tempo a disposizione, ma non avevamo nessun elemento per impiegarlo se non raccogliendo la legna, guardando il fuoco. Due mesi così è stata molto tosta“.

Leggi anche: La Promessa 31 luglio – 4 agosto 2023 anticipazioni e trame

In più la convivenza con persone che non conosci non è facile. Se sei una persona che ha bisogno di spazi e privacy soffri. Io infatti ho sofferto per questo aspetto. Però è un’esperienza anche introspettiva, perché passi del tempo da solo e hai modo di riflettere e pensare alla tua vita. La fatica grossa però era impiegare il tempo, questa attesa infinita. I nostri punti di riferimento erano la cena, la visita del medico, la puntata. Una settimana passava molto lentamente”

Isola Dei Famosi e i suoi retroscena

Di questa esperienza mi sono rimaste molte cose. La prima è aver capito che ho una grande capacità di resistere in condizioni che non sono la mia confort zone. Poi ho capito che non ho moltissima pazienza. Dovrò lavorarci sopra, poi il programma prevedeva delle trappole, così le ho chiamate io. Queste trappole prevedevano le provocazioni da parte di alcuni compagni. Provocazioni nelle quali non dovevi cadere. Io però devo ancora lavorare su questo aspetto. Poi mi è rimasto il ricordo della fame e l’essere grata per tutto quello che ho. Noi diamo per scontato molte cose, dal cibo agli affetti. Invece dobbiamo sempre essere felici e grati”.

Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche

Dorina Pitondo

Classe ‘58, veronese nata a Montagnana (PD) Ora lavoro per hobby come content creator. Ho esperienze nel mondo dell’editoria. Pure avendo studiato matematica, mi appassiona il giornalismo. Mi piace imparare e trasmettere emozioni. La conoscenza è infinita. Da quando ho visto la luce, ho sempre studiato argomenti diversi, appassionandomi a tutti.

Articoli correlati