“Into the Oasi”

Luciana Lettere e Daniela Palma sono due blogger partite all’avventura lo scorso 29 aprile dal Salento che arriveranno all’Oasi Lago Salso sabato sera per rimanere ospiti dell’Oasi fino a domenica.

L’iniziativa è organizzata da Made for Walking e Wwf Salento, patrocinata da Wwf Young Italia e Regione Puglia, ma anche supportata da tutte le organizzazioni aggregate Wwf della Puglia; vede protagoniste Luciana e Daniela, che a piedi e zaino in spalla hanno deciso di percorrere 400 km in 14 giorni toccando tutte le oasi WWF, riserve, aree protette e boschi in Puglia.

“Into the oasi” è la versione pugliese del noto film di Sean Penn, inno al cammino come scoperta della natura, della cultura e degli abitanti dei luoghi attraversati. Luciana e Daniela stanno georeferenziando ogni itinerario giornaliero e si avvalgono di forme di ospitalità con l’obiettivo di riproporre il viaggio l’anno prossimo sotto forma di viaggio organizzato e aperto a tutti. Il taglio del nastro è avvenuto nell’oasi Le Cesine, alle porte di Lecce, il traguardo dopo 400 chilometri sarà l’Oasi del Lago Salso di Manfredonia, per unire (prima con i piedi e poi sulle mappe) i luoghi più lontani e apparentemente più diversi della Puglia. In quattordici giorni, le ragazze passeranno da Torre Guaceto, dall’oasi Mar piccolo di Taranto, dal Monte Sant’Elia di Massafra, dai Boschi Soria e Romanazzi di Gioia del Colle. E poi dall’oasi di Acquaviva e dal Rifugio Mellitto di Grumo Appula.

Lungo il tragitto si sono avvalse di ospitalità volontaria di associazioni e realtà attive sul territorio, chiedendo un letto per la notte, una doccia e una “ciotola di minestra”.

È un progetto di promozione dell’escursionismo e del turismo responsabile, ma soprattutto di valorizzazione delle aree protette WWF.

Domenica saranno ospiti speciali dell’escursione domenicale insieme alle guide del Centro Studi Naturalistici OLUS (info: www.oasilagosalso.com).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*