Gatta: “Buoni servizio per minori, spero in una gaffe dell’Assessorato al Welfare”

“Vogliamo credere che si tratti di una gaffe dell’assessorato al Welfare, perché le dichiarazioni della Federazione Italiana Scuole Materne e Nidi di Puglia, a cui fanno riferimento oltre 150 strutture educative della nostra Regione, smentiscono categoricamente quanto replicato al sottoscritto in merito ai gravi ritardi nell’assegnazione dei buoni servizio per minori.
Nessuna richiesta di posticipare la finestra temporale per i buoni è stata avanzata dalla summenzionata Federazione alla Regione, anzi: i rappresentanti affermano di aver richiesto il 2 maggio scorso un incontro all’assessore proprio per avere informazioni sui ritardi. Una richiesta a cui non hanno ricevuto ancora alcun riscontro. Eppure, parliamo di un fatto serissimo che coinvolge le fasce più deboli della comunità pugliese e c’è il serio rischio di compromettere l’anno educativo dei bambini. Come ho giù avuto modo di denunciare anche con un’interrogazione consiliare, i ritardi nell’assegnazione dei benefici sono dovuti al mancato rinnovo contrattuale di circa 60 addetti della società InnovaPuglia, che gestisce il portale ‘Sistema Puglia’. Un deficit di personale tale da mandare in tilt le procedure e non consentire il rispetto dei tempi previsti dalla legge per la presentazione delle domande che le famiglie aventi diritto possono presentare per usufruire dei buoni. Eppure, i fondi ci sono. Sono stati stanziati ma non possono essere spesi. Allora, torno a richiedere, al di là di repliche mediatiche al sottoscritto che non concorrono certamente a risolvere il problema, che la Giunta regionale si occupi della questione, stabilizzando una volta per tutte il personale di InnovaPuglia e consentendo, così, il normale svolgimento delle attività che, come si vede, ha ripercussioni immediate sulla vita delle famiglie, in particolar modo delle più povere”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*