Attualità CapitanataPolitica Italia

Fratoianni parla del caso Soumahoro: “Ci sono ombre, ma non mi pento di averlo candidato”

Dopo le numerose polemiche sulla figura di Aboubakar Soumahoro, che si è difeso dalle accuse contro di lui giovedì sera in diretta su la7 da Corrado Formigli, parla per la prima volta Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana. L’Onorevole Soumahoro, che si è sospeso dall’alleanza Verdi – Sinistra Italiana che l’aveva portato in Parlamento il 25 settembre, non è indagato di nulla, ma da molti è accusato di scarsa attenzione (in casa sua) rispetto alle problematiche sull’accoglienza dei migranti che denunciava in tante altre realtà. 

Sinistra Italiana, come riporta oggi Repubblica, non è pentita di aver portato in Parlamento il sindacalista dei braccianti. “No, non sono pentito. La scelta è stata fatta pensando che quei temi, quelle battaglie, sono essenziali per una forza come la nostra. E lo penso anche oggi. Sebbene non mi sfugga che il problema è adesso come sostenere e proteggere le lotte e le ragioni di chi quotidianamente porta avanti dalle ripercussioni di questa vicenda. Ragioni e lette che restano al centro della nostra iniziativa politica”. 

Fratoianni, che ha condiviso la scelta di Soumahoro di autosospendersi dal gruppo, non è totalmente convinto delle giustificazioni dell’Onorevole. “Credo che ci siano ancora delle zone d’ombra da chiarire ed è quello che noi gli abbiamo chiesto di fare. Nel merito, punto per punto, nell’interesse suo, di chi lo ha votato e della dimensione collettiva di cui fa parte”.

Le accuse contro l’Onorevole sono arrivate anche dalla provincia di Foggia. Molte segnalazioni arrivarono anche a Fratoianni che oggi spiega così la decisione della candidatura.

A ridosso della campagna elettorale mi fu raccontato dalla senatrice Fattori di una sua ispezione, fatta credo nel 2019, in una cooperativa di Latina in cui erano state riscontrate situazioni non positive. Mi disse che circolavano strane voci e io le chiesi se ci fossero elementi di certezza rispetto a queste voci. Elementi che non arrivarono. Perciò decidemmo di procedere con la candidatura, avanzata da Europa Verde, che poi valutammo insieme di sostenere”. 

Articoli correlati

Back to top button