Viaggi

Fallisce il supercatamarano “Santa Lucia” per le Isole Tremiti con partenza da Termoli: fumo a bordo e difficoltà di ormeggio

Ieri, giovedì 23 giugno era il tanto atteso giorno per le prove tecniche dell’imbarcazione “Santa Lucia”, il supercatamarano presentato dalla società armatrice NLG nello scorso febbraio. La “Santa Lucia” dovrebbe essere destinata a sostituire la nave “Capraia” del gruppo Tirrenia che attualmente effettuata la tratta TermoliIsole Tremiti. La giornata purtroppo non ha un buon inizio. Infatti, diventa subito virale il video dell’enorme fumo emesso dalla nave, tanto da far pensare ad un incendio a bordo. Emergenza subito rientrata, poiché, la società armatrice NLG fa subito sapere che il fumo era dovuto al fatto che la nave è stata ferma all’ormeggio per troppo tempo.

Quella che doveva essere una giornata di festa, in realtà inizia a prospettarsi una brutta giornata, quando la prova di carico di un furgone di 7 mt si è dimostrata tutt’altro che semplice, al punto da essere necessari più tentativi.

Ma le vere difficoltà si sono palesate durante le manovre di ormeggio presso le Isole, che hanno sollevato serie perplessità nei cittadini tremitesi presenti.

Durante le prove sull’isola di San Nicola si è chiaramente manifestata l’inadeguatezza della nave “Santa Lucia”. Il tempo di manovra è di circa 20 minuti con condizioni meteomarine ottime e assenza di vento; l’apertura del portellone richiede altri 20 minuti per un totale di 40 minuti impedendo ogni altro tipo di manovra nel porto.-  Riferisce Giovanni Calabrese (Capitano di lungo corso con oltre 40 anni di navigazione e 20 di comando su navi superiori alle 10.000 ton), il quale aggiunge : – Sono stati necessari 3 tentativi per lo sbarco di un autocarro del peso di 7 ton per una lunghezza di 7 metri, ma il mezzo per il trasporto dei rifiuti pesa 30 ton per una lunghezza di 9 metri.

Ma la cosa che mi fa più paura – Conclude il capitano – è la potenza degli idrojet di propulsione del catamarano che creano un moto ondoso dannoso per il fondale, ma soprattutto sarà palesemente causa di erosione della banchina! –

Sulla questione interviene con una nota anche il neo Sindaco Peppino Calabrese: – Ci rendiamo conto quello che sta succedendo, l’inquinamento che causa questa nave in un’area marina protetta? Dov’è il Parco del Gargano? La nave deve essere immediatamente sostituita, il mezzo è inadatto per le banchine dell’isola, i camion fanno fatica ad entrare e uscire dalla nave. Intervenga subito il Ministero e la stessa Regione Puglia che sovvenziona con fior di quattrini la compagnia napoletana”

Tutte operazioni si sono svolte sotto l’occhio vigile delle autorità preposte: il Comandante della Capitaneria di Termoli, la Commissione Ministeriale e Carabinieri Tremiti.

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button