Politica Italia

Laricchia: Emiliano è in caduta libera. Il suo chiedere al M5S il voto disgiunto è l’ultimo gesto di un incapace disperato

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano

#LaricchiaPresidente è il collegamento con le politiche nazionali che serve al nostro territorio, per promuovere la Puglia.
Non può esserlo Michele Emiliano, artefice dei disastri che mi candido a risolvere, che non a caso è in caduta libera: è il presidente uscente più odiato d’Italia dopo Fontana in Lombardia.
Fitto già dice che i soldi del Recovery Fund devono andare al nord, Emiliano ai tavoli romani dove si decideva il futuro della Regione non si è mai presentato. Io fino a ieri ho incontrato gli olivicoltori con il sottosegretario Giuseppe L’Abbate, che sta risolvendo i problemi di accesso al credito delle imprese agricole, alle quali da mesi presentiamo i bandi nazionali (primo insediamento ISMEA, subentro o ampliamento, ecc) che offrono un’alternativa al disastro del PSR. EMILIANO E FITTO SONO DUE PERICOLI PER LA PUGLIA. Anche disastri come la Sanità e i Consorzi di Bonifica ce li trasciniamo dall’epoca di Fitto, ed Emiliano si è mosso in perfetta continuità. La Puglia dev’essere salvata da Fitto e da Emiliano.

Liberiamola, riprendiamola e restituiamola ai cittadini della nostra amata Regione Puglia.
Ai miei sostenitori in #Puglia, a chi vuole davvero cambiare e salvare la Puglia e l’Italia, chiediamo di votare Antonella LARICCHIA PRESIDENTE e una delle due liste: #M5S e #PugliaFutura.
A chi invece ha una sensibilità di destra o di sinistra, chiedo comunque di #MetterciAllaProva, facendo almeno IL VOTO DISGIUNTO PER LARICCHIA PRESIDENTE.

IlTuoVotoCambia #AlziamoLaTesta

Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati