Attualità

Comuni sciolti per mafia: la relazione del Ministero dell’interno

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato l’annuale Relazione sulle attività delle Commissioni per la gestione degli enti sciolti per mafia, relativa all’anno 2019. La Relazione, trasmessa dal ministro Luciana Lamorgese ai presidenti di Senato e Camera dei Deputati e al presidente della Commissione parlamentare antimafia, traccia il bilancio delle attività svolte per il ripristino della legalità e per il risanamento finanziario dalle Commissioni straordinarie impegnate negli enti.

LA RELAZIONE INTEGRALE

Sono state 65 le gestioni commissariali del 2019– 63 Comuni e 2 aziende sanitarie provinciali – che comprendono anche gli enti sciolti in precedenza, la cui gestione è terminata nel corso del 2019 con l’elezione dei nuovi organi.

“Un impegno – scrive il Ministero – che per i Comuni ha riguardato una popolazione complessiva di oltre 900 mila abitanti, non più amministrata da organi democraticamente eletti per la contiguità ‘compiacente o soggiacente’ degli enti alle consorterie mafiose”.

Si ricorda che nel 2019 sono stati 21 gli Enti locali sciolti per infiltrazione mafiosa, 19 Comuni e 2 aziende sanitarie provinciali (leggi il resoconto)

Nel corso del 2020 sono già 6 gli Enti locali interessati dal provvedimento dissolutorio: si tratta dei Comuni di Scorrano (Lecce), Saint-Pierre (Aosta), Amantea (Cosenza; al secondo scioglimento dopo quello del 2008, successivamente annullato) , Pizzo (Vibo Valentia), Sant’Antimo (Napoli; al secondo scioglimento dopo quello del 1991) e Maniace (Catania).

Sul sito di Avviso Pubblico è presente un’apposita sezione dedicata a questo tema, con mappe interattive, grafici, tabelle e statistiche costantemente aggiornate. La sezione comprende anche una puntuale ricostruzione della giurisprudenza amministrativa ed un’analisi complessiva delle relazioni prefettizie relativa al periodo gennaio 2017-dicembre 2018. Sull’Osservatorio Parlamentare sono altresì disponibili le sintesi delle precedenti relazioni presentate dal Governo.

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button
Close