Caratù (Manfredonia che Funziona): “Grazie al piano approvato dal Commissario vi sarà un aumento Tari”

Che i commissari  (qualunque) siano   di fatto dei commissari   liquidatori è risaputo.

Operano in modo ragionieristico  e la loro azione è orientata al breve  solo ed esclusivamente per l’ordinaria amministrazione. Riducendo tutti……. i costi …( soprattutto del  personale )  aumentando  le entrate( possibilmente quelle immediatamente esigibili )  Soprattutto le imposte e tasse  di competenza comunale   con aumenti vertiginosi può sembrare un eufemismo.

Manfredonia non fa eccezione, neanche l’Italia ha fatto eccezione il più fulgido esempio è stato il governo Monti.

In questi giorni ci troviamo di fronte, al  classico caso da studio accademico , con un copione  Scritto e riscritto più  volte.

Il” liquidatore “ in perfetta buona fede, ed in perfetta coerenza di legge, ha approvato il nuovo piano finanziario 2019 dell’a.s.e, prorogandone il servizio . Accettando di fatto  un consistente aumento del costo(,giustificato da un forte aumento del costo di smaltimento dei rifiuti ) .

Ovviamente  questo si ripercuote immediatamente in  un consistente aumento della tari per il 2019 . Ed .a  breve  i cittadini di questa città riceveranno un ruolo suppletivo  per l’anno in corso  oltre a quello già emesso e pagato.

Tutto qui ?  No non è poco anzi è qualcosa che andava evitato.

Il PEF dell A S E andava valutato,  studiato , analizzato nelle sue cause e se possibile andavano rimosse.  perché Un vertiginoso aumentonon è giustificabile a fronte di un serviziodell’ A.S.E. che vede migliorare i suoi costi e la sua produttività generale tanto da giustificarne una riduzione della tari.

La causa va ricercata in un altro commissario straordinario, della AGER Puglia , straordinario non proprio, ormai stabilmente da anni,  che doveva razionalizzare lo smaltimento diminuendo i costi. Aumentando l’efficienza.

costi che sono aumentati  a causa della mancata presentazione del  piano  regionale dei rifiuti   È del venir meno  da parte dei comuni della loro autonomia e della loro  libera contrattazione per lo smaltimento dei rifiuti che ora avviene  tramite aziende private .cheesplodono nei  fatturati ed utili.

 Costi Addirittura doppi rispetto a quello che ase pagava prima senza intermediazione.Eppure Eppure ………………………………………………..la SIA di

Cerignola ha un impianto  di biostabilizzazionenuovo di zecca fatto con contibuti pubblici . Ultimato e sigillato perché  manca il collaudo ! non si procede al collaudo perché…perché dobbiamo pagare di più a privati ?

Questo permetterebbe di dimezzare i costi e di eliminare le intermediazioni .

Presidente Emiliano può prenderne atto? Ed eliminare una causa di vertiginosi aumenti che decreteranno la morte di questa città e delle sue attività economiche commerciali.

Queste le risposte che chiediamo ad EMILIANO ed ai suoi innumerevoli commissari, oppure come ormai si sussurra in città qualcuno vuole il definitivo declino della città.

MCF




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*