Attualità CapitanataSocial

Avete ricevuto “A cavzètte di murt”?

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche

I bambini molti anni fa usavano mettere una calza vuota, “A cavzètte di murt”, appesa ai piedi del proprio letto perché convinti che i morti l’avrebbero riempita di dolci di ogni tipo

In realtà erano i genitori che preparavano la calza dei Morti, che riempivano di noci, castagne, fichi secchi, mele cotogne, carrube ed altro.

L’entità dei doni dipendeva dalle condizioni economiche della famiglia.
In qualche calza i genitori mettevano pezzi di carbone per qualche figlio discolo, per fargli capire che erano stati i morti che lo avevano voluto punire per il suo comportamento. Anticamente la calza era fatta a mano.

Questa usanza è scomparsa da molti anni, sostituita da calze confezionate e piene di cioccolatini, pasticcini e giocattoli che si comprano in bar e supermercati.

Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *