fbpx
Attualità

A Manfredonia il CAT va in DAD per sconfiggere le dipendenze da alcol, droghe e gioco d’azzardo: ecco come iscriversi

Se alcol e dipendenze patologiche non si sono mai fermate nonostante la pandemia in corso, alla stessa maniera anche il Club Alcologico Territoriale (CAT) di Manfredonia non ha mai interrotto la propria funzione, anche se non tutti coloro che potrebbero averne bisogno ne sono informati.

“Noi ci siamo sempre”, evidenzia la dottoressa Michela Dicembrino, servitore-insegnante del gruppo CAT, spiegandomi come anche il club si sia adattato ai tempi, proseguendo gli incontri a distanza, proprio come la dad scolastica.

A Manfredonia l’alcol è diventato un vero e proprio problema sociale che colpisce fasce sempre più giovani, ma non se ne parla. Un caso è diventato anche il Carnevale, dove i ragazzi che sfilano vengono spesso scoperti ubriachi. Purtroppo, però, quando il problema viene percepito come tale dai genitori, a volte è già tardi perché potrebbe aver già generato dipendenza. Cosa fare, allora? Per vincere la dipendenza da alcol, ma anche da altre sostanze o per combattere la ludopatia (dipendenza dal gioco d’azzardo), ci si può rivolgere al Club Alcologico Territoriale, attivo a Manfredonia da ben 15 anni.

Nel periodo pre-Covid gli incontri si tenevano accanto alla chiesa San Camillo, ma con l’emergenza sanitaria si sono trasferiti online. A partecipare agli incontri, che si tengono ogni giovedì dalle 18.15, ci sono vari componenti dei nuclei colpiti dal problema di dipendenza: mariti, mogli, mamme e papà. “Aiutare chi cade nel tranello di una dipendenza vuol dire fare rete con la sua famiglia, affinché possa sentirsi protetto e compreso anche tra le mura domestiche”, sottolinea Michela Dicembrino.

Per informazioni o per partecipare basta chiamare il numero 339.4812244. Il Club è gratuito ed accoglie tutti, non ci sono vincoli di età o di classe sociale, non esistono obblighi ma solo il dovere di riservatezza e puntualità.

di Maria Teresa Valente

Maria Teresa Valente

Giornalista pubblicista dal 2000 ed impiegata, esercita anche l’attività di mamma full time di due splendidi e vivacissimi bambini: Vanessa e Domenico. È nata e cresciuta a Manfredonia (FG), sulle rive dell’omonimo Golfo, nelle cui acque intinge quotidianamente la sua penna ed i suoi pensieri. Collabora con diverse testate ed ha diretto vari giornali di Capitanata, tra cui, per 10 anni, Manfredonia.net, il primo quotidiano on line del nord della Puglia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sull’immigrazione, ha conseguito un master in Comunicazione Politica ed è appassionata di storia. Per nove anni è stata responsabile dell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco di Manfredonia. Ancora indecisa se un giorno vorrebbe rinascere nei panni di Oriana Fallaci o in quelli di Monica Bellucci, nel frattempo indossa con piacere i suoi comodissimi jeans, sorseggiando caffè nero bollente davanti alla tastiera, mentre scrive accompagnata dalla favolosa musica degli anni ‘70 e ‘80.

Articoli correlati

Back to top button