Attualità

“Segnalo discriminazioni nei confronti di un mio carissimo amico”

Buonasera gentilissimi,
sto utilizzando questo canale di divulgazione perché,innanzitutto sono un’assidua lettrice dei vostri articoli che so essere letti da tanti a Manfredonia…in più perché internet,per fortuna,ha il pregio di essere di facile e veloce consultazione,per cui quale via migliore per denunciare atti discriminatori?


Io mi chiamo Mariangela,sono di Manfredonia e vi scrivo per denunciare degli episodi a dir poco spiacevoli nei confronti di un mio carissimo amico,anzi fratello seppur non abbiamo lo stesso sangue.
Ve lo presento:si chiama Pasquale,ha 19 anni,frequenta il liceo artistico ed è un fan sfegatato di Michael Jackson.Adora vestirsi come lui,sa perfettamente le sue coreografie e,quando ne ha l’occasione,adora esibirsi imitandolo(e lo fa anche benissimo).


Pasquale non è come noi,ha avuto la sfortuna,o meglio fortuna,di essere “speciale”…e quando dico speciale non intendo dire solo autistico.

Lui di speciale ha tutto:adora travestirsi in più personaggi,lavora la carta pesta,costruisce carri in miniatura nella sua adorata,seppur confusionaria,cameretta;fa il dj,allestisce scenografie con luci e mixer in qualsiasi occasione,è a dir poco talentuoso.
Ebbene sì,Pasquale è tutto ciò,ma anche altro:un ragazzo deriso,rincorso,spaventato,bullizzato,denigrato,umiliato.

E da chi?Proprio dai suoi coetanei e dai ragazzini più piccoli,da coloro che riempiono le loro serate noiose con insulti,derisioni,inseguimenti su monopattini e bici elettriche.

Pasquale passeggia con le cuffie,si isola da questo mondo a dir poco disgustoso,è racchiuso nel suo mondo,si isola ancor di più di quanto piace a lui,è solo contro tutti,proprio contro coloro che lui vorrebbe avere come amici.


Assistere a tutto ciò mi spezza il cuore,mi fa rabbia,mi fa ribrezzo,mi spaventa…Immaginate cosa prova un ragazzo ad essere rincorso tra vie del centro da tre,quattro ragazzini su monopattini o bici elettriche,solo contro loro,contro i “criminali”,dice Pasquale a modo suo,lui che se gli chiedi cosa è successo ti dice :”Niente,tutto apposto”.


Lui che corre all’impazzata sprezzante del pericolo perché spaventato,con il cuore a mille,con la testa confusa che lo manda in tilt.


Ma passeggiare tranquillamente senza infastidire nessuno si può in questa città?Solo perché Pasquale si veste come il suo idolo e ogni tanto si ferma x fare qualche passo delle sue coreografie deve essere vittima di bullismo?Io non ci sto…io farò di tutto affinché ciò non avvenga più e mi rivolgo a tutti coloro che Pasquale lo conoscono(e ne sono tanti):non passate indifferenti se notate che qualcuno lo infastidisce,non esitate a fermarvi per parlargli,magari nei paraggi c’è qualcuno che aspetta di vederlo solo per “attaccare”.


La sua unicità è un universo da rispettare,avremmo da imparare tanto da lui:ha fame d’amicizia,di sorrisi,di comprensione,d’ascolto,niente di più.Ma sconsolata e delusa mi accorgo sempre più che i ragazzi hanno perso ogni briciolo di sensibilità,di rispetto,di comprensione del più debole che in realtà debole non è:i falliti siamo noi in una società che ha perso tutti i valori della vita!


Pasquale io ti adoro e ti difenderò sempre da tutti coloro che vorranno farti del male,sei speciale,ti voglio un mondo di bene!

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button