Politica Italia

Nota del Movimento 5 Stelle locale: “Amarezza e stupore per la graduatoria dei nuovi sistemi di videosorveglianza”

Nota congiunta dei portavoce del Movimento 5 Stelle, alla Camera, Marialuisa Faro, Carla Giuliano, Giorgio Lovecchio, Gisella Naturale, e al Senato Marco Pellegrini.

“L’impegno e l’attenzione degli ultimi tre governi in merito all’emergenza criminalità a Foggia e in provincia, dove è radicata e articolata in modo sempre più diffuso e soffocante quella che è stata definita la ‘quarta mafia’ italiana, non possono essere messi in discussione. Così come la sensibilità e l’autorità mostrata dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, ribadite peraltro anche durante una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica svoltasi il 17 gennaio scorso nella Prefettura di Foggia, da lei presieduta.


Questa doverosa premessa aumenta l’amarezza e lo stupore per la graduatoria definitiva delle richieste di finanziamento presentate dai comuni nel 2021 – a disposizione 27 milioni di euro complessivi – per la realizzazione di nuovi sistemi di videosorveglianza, previsti nei Patti per la sicurezza urbana sottoscritti tra i prefetti e i sindaci, che ha visto, in provincia di Foggia, come unico progetto ammesso quello presentato dal comune di Peschici, 364esimo in graduatoria su 416. In particolare, non hanno soddisfatto i requisiti richiesti dalla commissione esaminatrice i progetti presentati da 35 comuni della Capitanata, tra cui quello del comune capoluogo Foggia, e ancora Cerignola, Manfredonia, San Giovanni Rotondo, Monte Sant’Angelo, Apricena, Torremaggiore, San Severo, Orta Nova e San Nicandro Garganico. Nonostante la pervicace presenza delle mafie foggiane che, ormai, sono note in tutto il mondo per la loro violenza e pericolosità, e nonostante la necessità di controllare maggiormente il territorio e di tutelare la cittadinanza e gli operatori economici.
Per questo, stiamo presentando in entrambe le Camere interrogazioni urgenti alla ministra Lamorgese, per conoscere i motivi che hanno portato all’esclusione di tanti comuni foggiani dalla graduatoria finale, nonostante la quota di riserva garantita ai comuni delle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna. L’ iniziativa forse sarà utile anche per riflettere sull’opportunità di rivedere i criteri e parametri richiesti dal bando per l’anno 2022, per scongiurare il ripetersi dei risultati che oggi ci preoccupano e al contempo garantire, in tempi rapidi, risorse fondamentali per Comuni in prima linea nella lotta alla criminalità”.

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Gelsomino Ceramiche

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati