Spettacolo

“Mafia Connection” speciale sulla Mafia del Gargano e di Foggia, questa sera sul Nove

Questa sera alle 21.25 andrà in onda sul Canale Nove il programma “Mafia Connection”. Il Programma condotto da Nello Trocchia affronterà il tema della Mafia foggiana.

Scrive il conduttore sui social: “La prima volta che mi occupai della mafia foggiana e di quella dei montanari era il 2017. Era già tardi. Lo feci grazie a Piernicola Silvis che in quella città è stato questore e che dovette, suo malgrado, ascoltare l’ignoranza dei componenti di una commissione parlamentare che confondevano la società foggiana con la sacra corona unita. Silvis sferzò quell’organismo parlamentare, a modo suo, ‘cosa aspettiamo che muoiano innocenti?’, disse. Ebbe ragione. Mentre realizzavo la mia inchiesta gli innocenti furono crivellati di colpi, i fratelli Luciani, Luigi e Aurelio. Raccontai un comune a guida mafiosa, Mattinata, che venne sciolto poco dopo per infiltrazioni dei clan. Raccontai i boss in libertà, uno è stato arrestato poco dopo e l’altro ucciso a fucilate sotto casa. Feci il mio lavoro, niente di più. Ne pagai le conseguenze, ero sotto vigilanza per le minacce di un boss di camorra, ma fui aggredito mentre raccontavo un omicidio, il processo per quell’aggressione è ancora in corso. Ma quel che importa è altro.

Prosegue: “Questa sera torno a raccontarvi storie di quella terra perché certi occhi te li senti addosso e ti chiedono impegno, presenza, ti chiamano a una responsabilità. Sono gli occhi di Luisa Lapomarda che ha perso un figlio, scomparso negli anfratti del Gargano, vittima di lupara bianca. I suoi occhi e le sue lacrime sono un pezzo di me che mi porto dietro.

Questa sera torna ‘Mafia connection’ con la seconda puntata ‘Puglia sotto attacco’. Con gli autori Carmen Vogani, Marco Carta e Lorenzo Giroffi. Ore 21:25 su NOVE

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button