Attualità CapitanataCronaca Capitanata

La tragica morte di Elena Del Pozzo. “La bambina non è morta immediatamente”

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano

I funerali della piccola Elena Del Pozzo, la bambina uccisa da sua madre nel catanese, saranno celebrati mercoledì 22 giugno nella Cattedrale di Catania dall’arcivescovo monsignor Luigi Renna. Il caso di cronaca, avvenuto esattamente una settimana fa, ha colpito tutti per la sua spietatezza. Martina Patti, madre della bambina, ha ucciso prima sua figlia e poi ha inscenato (e denunciato) un finto rapimento di sua figlia. 

Nei giorni scorsi le indagini e i dettagli su questo terribile fatto di sangue hanno aggiunto alcune certezze al quadro confuso della storia. Elena sarebbe stata uccisa da sua madre non con sette coltellate, ma con undici. I colpi inferti sulla bambina, che l’hanno raggiunta al collo e alla schiena, sono compatibili con un coltello da cucina che, ad oggi, non è stato ancora trovato. Un colpo, solo uno, è stato letale per la vita di questa bambina di cinque anni: quello che ha reciso i vasi dell’arteria succlavia. 

Elena, però, non è morta subito, la sua morte – come hanno spiegato gli inquirenti – non è stata immediata. Forse, è riuscita a comprendere quello che stava succedendo. “La morte della bambina sarebbe avvenuta dopo più di un’ora dal pasto che la bimba aveva consumato a scuola intorno alle 13”, commentano gli inquirenti. Le indagini del medico legale sono i primi punti di questa vicenda complessa e ingarbugliata. Gli inquirenti, in attesa di stabilire con precisione il movente dell’omicidio, stanno verificando altre ipotesi. Il dubbio è sul luogo del delitto: in casa, oppure nella zona di campagna in cui è stato rinvenuto il corpo. 

Nelle scorse ore gli inquirenti hanno trovato tracce di sangue su alcuni vestiti e sul bagno dell’abitazione della madre di Elena. I reati contestati a Martina Patti sono gravissimi: omicidio premeditato e pluriaggravato e occultamento di cadavere. La donna, difesa da Gabriele Celesti, ha continuato a dire molti “non so”. L’unica certezza che ha ribadito è quella di aver ucciso sua figlia da sola. 

Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Articoli correlati