Attualità CapitanataSocial

La Festa di Ognissanti a Manfredonia a cura di Tonino Racioppa

Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano

Per la Festa di Tutti i Santi e per la Commemorazione dei Defunti, a Manfredonia c’era l’usanza di far appendere dai bambini al “varrone” dietro la porta o alla testata del letto una lunga calza della mamma, una di quelle fatta ai ferri col filo di “bomméce” (cotone ritorto, variamente colorato), convincendoli che i Morti sarebbero passati per casa a lasciare doni.

Infatti durante la notte “misteriosamente” qualcuno passava davvero e poneva nella calza appesa: castagne, mele cotogne, scaldatelli, fichi secchi, mandorle e simili.

La calza era lunga, e per completare il riempimento i bambini il mattino seguente si lanciavano in una questua per il vicinato – un po’ come fanno ora per Halloween – alla ricerca di altre leccornie. Però, invece di “dolcetto o scherzetto?” come si dice ora, rivolgevano alla padrona della casa cui avevano bussato una richiesta ben codificata, in rima, a domanda e risposta:

All’àneme ‘i mùrte…”
“Jìnd’a cammïse, che pùrte?”
“Lu vellïche – E damme ‘na fïche!”

A fine mattinata, siccome si andava in gruppo, si metteva in comune il “bottino” ricavato che veniva ridistribuito in parti uguali. I miei preferiti erano i fichi secchi e le mandorle.

Aprivo i fichi secchi e ponevo all’interno due o tre mandorle sgusciate ma non tostate, e, potendoli conservare a lungo, non mi abboffavo in una sola volta.

I fichi imbottiti in questa maniera a Bari sono chiamati “li chjacùne” e in Calabria “i cruciéri”, ma non so se a Manfredonia hanno un nome specifico o generico. Chiedete alle nonne!
Essi rappresentavano all’epoca, quando tutti erano denutriti perché si vivevano tempi di ristrettezze, un importante integratore alimentare – assieme all’olio di fegato di merluzzo che ci propinavano a scuola ogni mattina – per scongiurare il pericolo del rachitismo incombente sui bimbi in crescita scheletrica e muscolare.

Mi fanno ridere questi che ora fanno gli schizzinosi a tavola! Dice mia madre che la “mangiatöre jì vàsce, e tùtte quande stànne jurgéte” = La mangiatoia è facilmente raggiungibile e tutti sono abbondantemente nutriti. Jurgéte vuol dire che alla biada è stato aggiunto l’orzo (jùrge)per dare maggiore energia alle bestie da soma.

Tonino Racioppa

Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *