Attualità CapitanataPolitica Italia

Il M5S si divide sul cachet di Grillo: 300mila euro per la comunicazione

Il partito anticasta, quello che avrebbe dovuto rivoluzionare e aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, forse non c’è più. Sono lontani gli anni agitati e scorretti del Movimento 5 Stelle. Dopo due governi trainati dalla loro maggioranza relativa – prima con la Lega di Matteo Salvini e l’alleanza giallo/verde e poi con il Partito Democratico e l’alleanza giallo/rossa – di quel partito così incandescente, forse, non è rimasta neppure l’ombra. 

Sembra sia questo il sentimento fra molti attivisti storici della prima ora. Il Movimento, dicono, ha perso quella sua forza popolare, è diventato establishment e, paradossalmente, casta. La guida di Luigi Di Maio prima e quella di Giuseppe Conte è ben distante dai numeri e dalle percentuali delle politiche del 2018. Oggi, poco prima del toto-nomi per le politiche dell’anno prossimo, scoppia una nuova polemica sul fondatore del gruppo politico: Beppe Grillo

Secondo le indiscrezioni, infatti, nelle scorse ore Grillo ha raggiunto un accordo con i vertici del Movimento. Per Grillo, stando alle indiscrezioni, verrà riservato un compenso che viaggia ai 300mila euro l’anno. A pagarlo non saranno i gruppi parlamentari, ma direttamente il partito. Perché questo compenso? Secondo i rumors Grillo si occuperà della comunicazione del M5S. Sarà suo compito ideare campagne, strutturare strategie digitali, produzione di video, eventi, materiali audiovisivi, campagne elettorali e iniziative politiche. In una nota del movimento si sottolinea che Grillo si occuperà anche di iniziative formative. “Tra gli obiettivi anche la promozione delle attività del Movimento all’estero attraverso la partecipazione a convegni, giornate di studio, incontri con personalità scientifiche e istituzionali”.

Il compenso e il ruolo di Grillo hanno suscitato malumori all’interno dei gruppi parlamentari del Movimento, soprattutto fra chi è già certo che non potrà essere ricandidato o riconfermato. “Perché mai dovremmo pagare con le restituzioni il blog di Grillo, mentre prima tutto ciò avveniva gratis?”. “È arrivato il momento che non restituiamo più”. 

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Articoli correlati