Attualità CapitanataAttualità Manfredonia

Energas, l’Arcivescovo scrive al Ministro Pichetto Fratin

All’attenzione del
Ministro Gilberto Pichetto Fratin
Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica
MITE@pec.mite.gov.it


Manfredonia, 24 gennaio 2023


Oggetto: L’Arcivescovo di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo dice NO al deposito
Energas in sostegno della popolazione


Gentilissimo Signor Ministro,
a scriverle questa lettera, che forse le sembrerà fuori luogo, è un Arcivescovo di origini piemontesi
(come Lei) che ha avuto per volontà di Dio il piacere di guidare come Pastore una meravigliosa
terra del Sud Italia che abbraccia quasi l’intero “Amato Gargano”, come mi piace definirlo,
l’Arcidiocesi di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo.


Le scrivo in merito alla paventata possibilità di approvazione da parte del Consiglio dei Ministri
dell’installazione, in area di Manfredonia, di un deposito di GPL conosciuto come “Energas”.
Il mio predecessore, l’amato e compianto Mons. Michele Castoro, nel 2016 quando si era
all’inizio di questa vicenda in città si schierò accanto alla popolazione nell’esprimere quel chiaro
NO, sostenuto da tutte le forze politiche cittadine e Regionali.


Ho deciso, alla luce anche del Magistero Sociale della Chiesa, anche io di continuare ad essere
accanto a popolazione ed Istituzioni locali per dire NO.


Ho sottoscritto nei giorni scorsi una lettera, condivisa tra varie associazioni, inviata al Suo
collega Ministro della Difesa circa anche la preoccupante vicinanza del deposito con la strategica
base militare di “Amendola”.


Da parte mia come Arcivescovo non posso scendere, anche se lo farei se fosse necessario,
nelle questioni dei pareri positivi o negativi di carattere tecnico o amministrativo sulla vicenda
avuti dai vari organi competenti, ma vorrei soffermarmi su qualcosa a mio avviso di più
importante: la volontà di una popolazione!


Le scrivo portando nel cuore le parole del profeta Isaia “Per amore del mio popolo non tacerò
e non mi darò pace” (Cfr Is 62,1).Non posso come Pastore di questa terra darmi pace sapendo che la volontà di una intera città rischia di essere calpestata.


Il 13 Novembre 2016, come lei saprà dalla documentazione, c’è stato un Referendum, svoltosi
regolarmente nel pieno rispetto delle Leggi e della Democrazia, a cui hanno partecipato 25.729
votanti di cui il 95,27 % (cioè 24.549 cittadini) hanno espresso un chiaro NO.
Le chiedo a cosa è servito il Referendum? Può uno strumento cosi importante per la Legge,
per la nostra Repubblica, pur essendo solo consultivo, essere calpestato totalmente?
Ritengo che il parere di una popolazione, che vive fatica e combatte quotidianamente su un
territorio che cerca di risollevarsi da ben altri problemi e piaghe, vada rispettato. Come vada
rispettato il parere di una Comunità Politica locale e Regionale che, ieri come oggi, da varie fazioni
e parti dice e ribadisce il suo NO.


Mi appello alla Sua sensibilità Istituzionale, ascolti la voce di un popolo e dei suoi
rappresentanti politici, e se vuole anche la povera voce di un Vescovo.
Lei solo forse può alimentare in un eventuale Consiglio dei Ministri la discussione nella giusta
direzione.


Ribadisco la mia vicinanza forte e decisa accanto a popolazione e Istituzioni locali e come già
detto in un mio precedente comunicato alla città sarò pronto a scendere in Piazza, a recarmi anche
a Roma se necessario, per ripetere il nostro accorato NO!


Cordiali Saluti.


+ Franco Moscone, crs
Arcivescovo

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button