Sport

E’ Pavone l’ago della bilancia per Zeman, Canonico vorrebbe un altro Ds

Sarà un fine maggio “di passione” quello che attende i tifosi del Foggia. L’atteso incontro tra il presidente Canonico e il tecnico Zeman, previsto inizialmente per oggi, è slittato ai prossimi giorni. Sullo sfondo, le incertezze legate alla situazione del tecnico boemo su cui il patron rossonero parrebbe intenzionato a continuare a investire ma senza la presenza di Pavone. E’ il direttore sportivo, attualmente, l’ago della bilancia per la prosecuzione di Zemanlandia a Foggia. Da un lato, Canonico vorrebbe un altro Ds con un progetto tecnico a sua immagine e somiglianza; dall’altra, Zeman non pare intenzionato a rimanere senza il suo storico braccio destro. In mezzo, c’è una stagione da programmare e portare avanti a cominciare dall’iscrizione al campionato e la definizione della rosa 2022-2023.Intanto, non paiono trovare conferma le voci su un presunto interesse di un gruppo di imprenditori locali che sarebbe interessato a rilevare il Foggia per dare continuità al duo Pavone-Zeman. La sensazione è che sul fronte societario possibili novità ci saranno dopo il 9 giugno, quando al Tribunale di Bari si svolgerà la udienza per il contenzioso in atto tra Canonico e Pintus per la cessione del 51% della Corporate, proprietaria dell’80% del Calcio Foggia. Uno scenario a tratti imprevedibile, con le due parti in rottura dopo le reciproche accuse dei mesi scorsi, che potrebbe addirittura riportare la Pintus al comando del sodalizio rossonero. Insomma, l’estate dei tifosi del Foggia si preannuncia ancora una volta rovente.

Nicola Saracino

Nicola Saracino, Giornalista ed esperto di Comunicazione sociale e istituzionale, con esperienza in diverse redazioni locali, anche come direttore responsabile.

Articoli correlati

Back to top button