Attualità

Detti sipontini: ‘Cantilene’

DETTI SIPONTINI, a cura del Prof. Pasquale Ognissanti (Archivio Storico Sipontino – Manfredonia)

Feste, festeggiare

a) Cantilene

Jogge ji ffèste
E lla pupe a lla fenèstre:
u sorge abballe
e lla jatte cucine
cucine i maccarune
e zeja moneche i cappuccine
Oggi è festa/ e la pupa alla finestra/ il topo balla/ e la gatta cucina/ cucina im maccheroni/ e zia
monaca dei cappuccini (cantile fanciullesco)

Jogge ji ffèste
E ne nn’ji na fèsta ggjuste
Chi mange péne e presutte
E chi mange péne assutte
Oggi è festa/ e non è festa giusta./ chi mangia pane e prosciutto/ e chi mangia pane asciutto

Jogge ji ffèste
E zeja moneche ce vèste,
ce vèste de vellute
e zeja moneche cannarute
Oggi è feste/ e zia monaca si veste/ si veste di velluto/ e zia monaca cannaruta (golosa)

b)Distici

A fatije de lla fèste
Ne nde calze
e ne nde vèste
La fatica della festa (il lavoro effettuato il giorno di festa) / non ti calza/ e non ti veste (non ti fa
ricco)

A lla fèste a lla fèste
Solo nelle feste

Amme sandefechéte
pure sta fèste
Abbiamo santificato/ pure sta festa

Anne fatte fèste
Hanno fatto festa (non hanno lavorato)

A qquà ji ffèste
tutte ll’anne
Qui è festa/ tutto lì’anno

A qquà ji ssèmbe ffèste
Qui è sempre festa (variante)

Aspètte lla fèste
Aspetta la festa (in particolare, della Madonna di Siponto)

Ce fanne sèmbe fèste
Si fano sempre fèste

Ce véje facènne tutte lli ffèste
Si va facendo tutte le feste

Chi cambe tand’anne
vede tanda ffèste
Chi vive molti anni,/ vede molte feste

Chi manègge fèstègge
Chi maneggia festeggia

Doppe lla fèste
Vene lla tembèste
Dopo la festa/ viene la tempesta

E amme sandefechéte
pure sta fèste
E abbiamo santificato/ pure questa festa (senza cibo o senza regali)

E amme viste
pure quèst’ata fèste
E abbiamo visto pure/ quest’altra festa (in senso di rammarico)

Fèste, farine e fforche
Festa,m farina e forca (con i Borboni)

I fèste i sande
Le feste d’Ognissanti (le prime feste scolastiche)

Ji nu fèstajule
E’ un festaolo

Lla fèste ne vvene méje sole
La festa non viene mai sola

Ll’anne fatte a ffèste
U festine
Gli hanno fatto la festa (ammazzato)

Ll’anne vestite a ffèste
L’hanno vestito (come ilo giorno di ) a festa

Ll’o ccunzéte p’i fèste
L’ha conciato per le feste

Ll’o déte i bbone fèste
Gli ha dato le buone feste (regalìa al garzone di bottega)

Ne nganosce né fèste
e né viggilje
Non conosce né festa/ e né vigilia

Ne nge lasse na fèste
(pèrde)
Non si lascia (passare, perdere) una festa

Ne nn’ji ffèste tutt’i jurne
Non è festa tutti i giorni

Ne nn’ji sèmbe fèste
Non è sempre festa

O fatte fèste
Ha fatto festa

O viste a fèsta meje
Ha visto la mia festa (fine)

Qquanne ji ffèste, ji ffèste
( ce fé fèste)
Quando è festa, è festa

Qquanne ji ffèste
Ne ngj’abbéde a spese
Quando è festa/ non si bada alle spese

Qquanne tine da mangé
Ji ffèste tutte llu jurne
Quando hai da mangiare:/ è festa tutti i giorni

Se ji ffèste
Ji ffèste pe tutte
Se è festa/ è festa per tutti

So’ fernute lli fèste
Sono finite le feste

Stanne aspettanne a fèsta meje
Stanno aspettando la mia festa (morte)

Stanne facènne fèste
Stanno facendo festa /(ha fatto feste)(ha approfittato della mia assenza) (variante)

Stanne festeggianne
a mmègghj’a mmègghje
Stanno festeggiando/ nei migliori dei modi

U guadagne de lla fèste
Trése da lla porte
e jèsse da lla fenèstre
Il guadagno della festa/ entra dalla porta/ ed esce dalla finestra

Véje facènne fèste e festeccjole
(truvanne)
Va facendo feste e festicciole

Vé truvanne festine e murtecille
Va cercando festini e morticini (si buttano i confetti)

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button