AttualitàPolitica

Coronavirus, chi informa i manfredoniani?

Egregio Prefetto Vittorio Piscitelli,

mi mortifica leggere che il lavoro non da poco nell’informare la cittadinanza fatto in questi giorni da me ed i miei colleghi sia sminuito al punto da accusarci di informare con dati di ‘contrabbando’.

I dati che scriviamo sono quelli ufficiali ed ufficiale non è solo ciò che è giusto o sbagliato far sapere, perché in questo periodo di gran confusione, mi permetta di dire, nessuno ormai può sapere con certezza cosa sia veramente giusto o sbagliato. E le assicuro che non ci limitiamo ad un mero bollettino di dati, ma ci facciamo portavoce dei sentimenti, delle paure e delle speranze della nostra città, per poter essere, nonostante tutto, uniti.

In questa emergenza la città si aspetta di essere informata e rassicurata, ma rassicurare non vuol dire tacere.

Anzi, il silenzio che giunge dalle istituzioni ha contribuito a generare tra i cittadini ansia e preoccupazioni.

Mi permetto di parlare anche a nome dei miei colleghi, con cui sono sicura di condividere un sentimento comune, dal momento che siamo tutti partecipi e concordi nel far sì che la popolazione abbia il diritto di capire cosa succede a Manfredonia e come si evolve la situazione. Che è poi ciò che succede in ogni altra città.

La saluto cordialmente, rispettosa del Suo ruolo, così come mi auguro anche Lei possa esserlo del nostro.

Maria Teresa Valente

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button
Close