Cronaca Capitanata

Confisca per oltre un milione di euro per un pluripregiudicato

I carabinieri di Foggia hanno eseguito un provvedimento di confisca definitiva di beni mobili e immobili per un valore complessivo di oltre un milione di euro ad un noto pluripregiudicato 50enne foggiano, dopo il pronunciamento finale della Corte Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso che lo stesso aveva presentato.

L’operazione è frutto della indagine patrimoniale svolta dagli investigatori 

dell’Arma mediante l’applicazione degli istituti giuridici previsti dal “Codice Antimafia” nel contrasto agli arricchimenti illeciti realizzati non solo dai soggetti appartenenti alle  organizzazioni mafiose, ma anche da parte di coloro che vivono abitualmente con i proventi di attività 

delittuose, consentendo in tal modo la restituzione dei beni stessi, una volta confiscati come nel caso di specie, alla società civile e, conseguentemente, al circuito dell’economia legale.

Il provvedimento di confisca in questione è stato emesso, in base alla normativa antimafia, dal Tribunale di Bari – Sezione in funzione di Tribunale della Prevenzione, su proposta del Procura  della Repubblica di Foggia, ed ha interessato un immobile commerciale urbano, un lussuoso complesso edilizio composto da terreni per complessivi 6000 metri quadrati, 2 Villini, 16 box ed un locale scuderia, attualmente utilizzato come ricovero veicoli, oltre ad un fabbricato adibito a magazzino. Oggetto di confisca definitiva è stato anche un caravan da campeggio. 

Sono stati attinti tutti i beni intestati o a qualunque titolo comunque riconducibili – anche per il tramite  di prestanome – all’interessato, la cui quasi ventennale storia criminale è andata via via evolvendosi verso fatti sempre più gravi, per la quasi totalità riconducibili a reati in materia di stupefacenti; reati, questi, che ne hanno comportato, oltre a periodi di detenzione, anche condanne definitive, oltre a procedimenti penali tuttora pendenti.

In particolare, le indagini hanno consentito di raccogliere plurimi elementi che hanno 

documentato l’evidente sproporzione tra la situazione reddituale del 50enne destinatario del provvedimento di prevenzione patrimoniale in riferimento, nonché dei suoi stretti congiunti, e 

l’ingente patrimonio accumulato in ambito familiare, evidentemente reso possibile dalle fonti finanziarie derivanti dalle attività illecite sistematicamente poste in essere dallo stesso

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button