Fede

“Cattedrale, i miei passi nel silenzio di devozione in Piazza Grande”

Manfredonia – ENTRO in chiesa tra la luce chiara di un mattino d’estate; mi segna la mente – tra le luci dei palazzi storici, di “Piazza Grande”- a ‘Chiese a Grande’ tra l’odore forte di un aria speciale di candele accese – per la ” Madonne du Suponte”. E giá chiange du commozione – joggie a prime a dumenuche du – di prumu jiurne du Luglio .


Madonne a nostre pu ugnone guarduce tojie da
lassope – u core ca tu tone u sguarde…m’avvuciune all’altere – stec jiu e a Madonne…appicce tre luce – ma si accende involontariamente una quarta… da sola, mentre cammunove – passe citte citte – sarà nu segne ca a Madonne jie presente – e mu nu esce chiangene facenne finte – ca mi jiute na scufujie in da l’ ucchjie.

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button