fbpx
AttualitàEconomia

Cancelli automatici: tipologie, caratteristiche e costi

I cancelli automatici sono una soluzione ampiamente utilizzata in ambito civile, tanto nell’edilizia pubblica quanto in quella abitativa. I sistemi di accesso automatizzati, infatti, consentono di gestire in maniera pratica e funzionale i punti di transito di aree di estensione medio grande, come ad esempio un viale interno che conduce al box auto oppure un parcheggio. Esistono vari tipi di cancelli automatici, che si differenziano principalmente per la tecnologia di funzionamento (azionamento elettrico o idraulico) e per la modalità di apertura dei battenti. In questo articolo vedremo quali sono le opzioni più comuni che vengono applicate in principal modo a contesti di tipo abitativo.

Modelli a scorrimento

Il modello più comune di cancello automatizzato è quello scorrevole; com’è facile intuire, questo sistema di automazione prevede che il cancello sia dotato di rotelle e posizionato su un binario; il comando di apertura o chiusura attiva un motorino elettrico che, attivandosi, fa scorrere la barriera lungo il binario, fino a lasciare l’ingresso completamente libero. Questo tipo di soluzione trova applicazione tanto in ambito domestico quanto industriale ma, a seconda della destinazione d’uso, è necessario scegliere l’opzione più adeguata, soprattutto per quanto riguarda la motorizzazione e il peso dell’anta. I cancelli domestici non vengono aperti molto spesso e in genere non sono molto pesanti (500 kg circa); per questo può essere sufficiente un motorino di dimensioni contenute; i modelli utilizzati all’ingresso di uno stabilimento industriale, ad esempio, oltre ad essere più pesante sarà di certo azionato con più frequenza: per questo motivo è necessario un sistema di automazione più potente.

Cancelli a battente

Soluzioni di questo tipo sono applicabili sono laddove vi sia un’adeguata disponibilità di spazio. I cancelli automatici a battente, infatti, sono realizzati in modo tale da aprirsi facendo perno su un fulcro, che consente all’anta di effettuare una rotazione di almeno 90°. L’apertura a battente è quindi maggiormente indicata per cancelli con ante non troppo grandi e per spazi abbastanza ampi da far sì che l’apertura non rappresenti un intralcio. 

A ventaglio, a scomparsa e “a libro”

I cancelli automatici a ventaglio rappresentano un’opzione più ricercata e dal notevole impatto scenografico, senza per questo sacrificare la praticità. I modelli di questo tipo si aprono e si chiudono in maniera diversa rispetto a quelli finora descritti: le ante non sono costituite da un unico pannello ma da una serie di elementi imperniate nello stesso punto che invece di ruotare verso l’interno come nei cancelli a battente, si spostano verso l’alto, scomparendo progressivamente l’uno dietro l’altro.

Altra opzione di notevole impatto (ma anche molto pratica) è quella dei cancelli a scomparsa; in poche parole, sistema di questo tipo prevedono che il cancello scompaglia all’interno del suolo, abbassandosi fino a lasciare libero l’ingresso. Di solito, il profilo superiore dell’anta è progettata e realizzata in modo tale da non lasciare intercapedini rispetto al vano in cui viene fatto scomparire il cancello.

I cancelli automatizzati “a libro” sono, invece, una soluzione di compromesso tra quelli scorrevoli e quelli battenti, in quanto integrano i principi di funzionamento di entrambi (almeno in alcuni casi). I modelli che rientrano in questa tipologia presentano le due ante divise a loro volta in due; quando il sistema di automazione viene attivato per aprire il cancello, le ante si piegano a metà, come le pagine di un libro, anziché ruotare; il movimento può essere implementato anche per mezzo di un braccio che si muove lungo un binario di scorrimento.

I costi

Al netto del costo per la realizzazione di una o due ante ex novo, i costi di automazione sono piuttosto contenuti. In genere, la spesa si aggira sui 500 euro, comprensivi delle spese di acquisto di tutte le componenti elettriche e meccaniche. In commercio vi sono kit completi, acquistabili anche presso store online specializzati come emmebistore.com, all’interno dei quali è incluso tutto il necessario per meccanizzare il proprio cancello.

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button