Attualità Capitanata

Balneari, la storia infinita: Consiglio di Stato: “Proroga non va applicata”

La storia infinita del caso Balneari si arricchisce di un nuovo capitolo

Secondo il Consiglio di Stato, nella sentenza in cui accoglie il ricorso contro la decisione del comune di Manduria di prorogare fino al 2033 le concessioni demaniali marittime, la proroga automatica delle concessioni balneari non va applicata.

Le norme che la dispongono, infatti, “sono in contrasto” con l’articolo 12 della direttiva europea.

BISOGNA DARE PRECEDENZA ALLA DIRETTIVA EUROPEA

Il Consiglio di Stato ricorda inoltre che in caso di contrasto tra la normativa nazionale e quella europea “deve darsi precedenza alla seconda, con conseguente necessità che tutte le autorità dello Stato membro, siano essi organi giurisdizionali o pubbliche amministrazioni, disapplichino la norma interna a favore di quella sovranazionale”.

“LA SENTENZA NON CI SORPRENDE”

Arriva la risposta del vicepresidente del Senato, Gian Marco Centinaio:

“La sentenza del Consiglio di Stato non ci sorprende. I giudici già nel 2021 avevano preannunciato che qualsiasi proroga successiva alle concessioni balneari sarebbe stata considerata da loro priva di efficacia.

Noi pero’ rivendichiamo la norma introdotta con la conversione in legge del Milleproroghe e il diritto del Parlamento a legiferare. A maggior ragione dopo questo pronunciamento, invitiamo il governo ad accelerare sulla mappatura delle coste”

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net