Cronaca

Avv. Fischetti: “Accuse pesantissime smentite dal Tribunale”

Una accusa pesantissima da oltre dieci anni di galera, per maltrattamenti in famiglia aggravati, molteplici denunce a suo carico corredate da referti medici e relazioni dei carabinieri, diversi interventi di forze di polizia e mezzi del 118, l’impiego energico e consistente di militari per fronteggiare lo stato dei fatti di frequenti aggressioni fisiche e abbandoni rocamboleschi, con fuga dalla finestra della abitazione, dell’intero nucleo familiare, l’urgente applicazione di una onerosa misura cautelare volta a interrompere e tutelare le persone offese, madre, sorella, fratello, nonna e zia contro A.R. di appena 26 anni, agricoltore di Mattinata che nonostante la sua giovane età è stato dipinto come un feroce orco capace di generare brutalità e nefandezze.

Una vicenda gravissima al limite dell’indicibile, perché a generare le incolpazioni non sono persone qualsiasi bensì la propria genitrice e i suoi fratelli, oltre ad altri stretti congiunti i quali non si sono risparmiati su nulla esponendo condotte dell’indagato definite: prevaricatrici, umilianti, aggressive, sia sul piano verbale che fisico, ripetute  abitualmente dal 2010 ad oggi “…il che comportava l’insaturazione nelle mura domestiche di un clima di umiliazione e sofferenza fisica e morale ai danni dei propri conviventi, come riferito dagli stessi e dalle persone informate sui fatti escusse, nonché evincibile dal sofferto abbandono dell’abitazione familiare cui sono stati progressivamente indotti”.

In un quadro così traumatico e triviale ai più sarebbe apparso arduo per l’incriminato venirne accapo da solo e senza alcun elemento suscettibile di essere valutato in suo favore.   

<<E invece passo dopo passo, leggendo e rileggendo, e ancora una volta rivedendo le carte procedimentali c’era una distonia di fondo che toglieva il sonno, una nota stonata in una composizione all’apparenza poderosa. Poi i manifesti riscontri cercati con una indagine difensiva senza soluzione di continuità e, direi, per certi versi disperata e disparata, i primi risultati e infine una architrave accusatorio frantumatosi sotto i colpi di prove irrefragabili e soprattutto scientifiche>>, così il difensore, l’avv. Pierpaolo Fischetti il quale chiede il riserbo sulla vicenda processuale perché ancora in essere <<ma certamente il tutto ora a favore del mio assistito che in un attimo si è ritrovato da solo, nell’accezione più radicale di tale lemma, ma mai perso anche perché è compito di ogni avvocato sostenere il proprio assistito fino in fondo, fino alla verità>>.

Mattinata, 07 luglio 2020

F.to avv. Pierpaolo Fischetti

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button
Close