Cronaca

Addio Paolo D’Angelo ‘Siccione’

Se ne è andato oggi, all’età di 86 anni, Paolo D’Angelo, pietra miliare dell’associazionismo sipontino. Da tutti conosciuto come ‘Pavelócce Seccjone’, è stato socio fondatore della AVIS di Manfredonia ed era noto nell’intera provincia di Foggia per il suo attivismo ed altruismo.

Nel 1958, fu protagonista di un episodio di rilevanza internazionale. Durante lo speronamento ed affondamento del piroscafo di Manfredonia ‘Peppinella’ nel canale della Manica, Paolo D’Angelo (che era il cuoco di bordo), poco più che ventenne si prodigò per salvare l’intero equipaggio abbandonando la nave per ultimo. Come socio ANMI, Associazione Marinai d’Italia, più volte è stato invitato a raccontare quell’incredibile episodio che guadagnò all’epoca le prime pagine dei giornali.

Con lo stesso coraggio e determinazione si è impegnato per tutta la vita per il rispetto della legalità e dell’osservanza delle regole contribuendo a tenere alti i valori dell’onestà e distinguendosi particolarmente per la disponibilità ad adoperarsi di notte e di giorno in azioni di volontariato a favore dei più deboli e bisognosi.

Nel giugno del 1971 divenne socio AVIS e mise fine a Manfredonia al commercio del sangue che all’epoca era abbastanza fiorente, battendosi a rischio della propria incolumità contro gli sciacalli che lucravano sulle persone bisognose. Da allora iniziò a far germogliare nei sipontini l’idea del dono del sangue anonimo e gratuito e fece diventare l’AVIS di Manfredonia un punto di riferimento per gli ospedali della Capitanata.

Nel 2006 ha contribuito insieme a tanti amici dell’AVIS, come l’infaticabile ex presidente Domenico Palmieri, alla realizzazione a Manfredonia del centro fisso di raccolta sangue intitolato a San Pio da Pietrelcina, molto apprezzato da tutte le AVIS italiane giunte in città in occasione della festa del Donatore.

Nel 2013, su proposta dell’allora sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi, Paolo D’Angelo è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Da tantissimi manfredoniani sarà ricordato per sempre e portato con affetto e stima nei cuori per i suoi innumerevoli gesti d’altruismo.

Buon viaggio Siccione!

di Maria Teresa Valente

Maria Teresa Valente

Giornalista pubblicista dal 2000 ed impiegata, esercita anche l’attività di mamma full time di due splendidi e vivacissimi bambini: Vanessa e Domenico. È nata e cresciuta a Manfredonia (FG), sulle rive dell’omonimo Golfo, nelle cui acque intinge quotidianamente la sua penna ed i suoi pensieri. Collabora con diverse testate ed ha diretto vari giornali di Capitanata, tra cui, per 10 anni, Manfredonia.net, il primo quotidiano on line del nord della Puglia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sull’immigrazione, ha conseguito un master in Comunicazione Politica ed è appassionata di storia. Per nove anni è stata responsabile dell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco di Manfredonia. Ancora indecisa se un giorno vorrebbe rinascere nei panni di Oriana Fallaci o in quelli di Monica Bellucci, nel frattempo indossa con piacere i suoi comodissimi jeans, sorseggiando caffè nero bollente davanti alla tastiera, mentre scrive accompagnata dalla favolosa musica degli anni ‘70 e ‘80.

Articoli correlati

Back to top button