Fede

“Ti aspetto in questo tempo di polvere e parole”

Manfredonia –  Madonna di Siponto – come devo fare, io quest’anno ti aspetto come e quando ero da te – ero piccolino quando venivo dietro la Processione … quando ti vedevo uscire – dalla porta da chiesa della Cattedrale , piangevo con una commozione tale di cuore … di brividi di gioia , mi sedevo in mezzo a tante persone sopra uno scalino di un portone.

Con un fazzoletto mi asciugavo la faccia tonda, da bambino biondo rosso. 

Oggi , ogni mattina che mi sveglio – provo malinconia di lacrime nuove… aspettando un  profumo e tanta pace – dentro una luce di speranze – ti aspetto ora da questa strana forma di un tempo di polvere e parole,di attese e speranze.

Articolo di Claudio Castriotta

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button