AttualitàSocial

Parliamo Manfredoniano: “Peškìgne”

Peškìgne s.m. = Usta

È l’odore lasciato sul terreno dagli animali selvatici. Un’ottima tracia per i cani da caccia per stanare la selvaggina (volpi, lepri, e cc.). In genere un cattivo odore.

Per affinità viene usato il medesimo termine peškìgne per indicare quell’insieme di alghe, piume di gabbiano, sugheri, ecc. che le onde spingono verso riva e che vanno facilmente vanno in putrefazione liberando un cattivo odore.

Figuratamente si applica a persona di nessun valore,  inaffidabile.

Öme de peškigne = Uomo di poco conto.

Sinonimo fetènde = puzzolente in senso morale, magari è ben profumato, ma “puzza” di malvagità

Ringrazio il lettore Francesco D’Oria per il suggerimento.

Ritengo corretta anche la grafia pešchìgne che produce lo stesso suono.

tratto da: http://www.parliamomanfredoniano.it/peskigne/#comment-10517

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button