Attualità Capitanata

“Oggi è un luogo morto di lame di stagno sul terriccio di avorio”

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Calici di Puglia
Gelsomino Ceramiche

Manfredonia – OGGI è zona abbandonata, luogo della civiltà oltraggiata dalla misera vergogna delle lingue mozzate per non parlare.Area da bonificare, nastri d’argento ammassi di mortalità marina, del macabro raccoglitore confezionato. Lame di stagno di alluminio neanche più luccicanti a forma di metallo arrugginito da buche devastanti, mangiate dal vento, dalla pioggia e dal sole.

Mostro del Porto Industriale, oggi richiamo della terra morta, che si rivolge al cielo si preannuncia al mare e scuote l’anima dei suoi tanti defunti che volevano un lavoro e volevano vivere entusiasti di essere presenti, magari seduti di faccia al mattino a bere un aperitivo e a respirare il sogno di ogni uomo libero. Quella civiltà ha creato esseri umani schiavi fatti di una mentalità insubordinata, slealtà nei confronti delle proprie famiglie della propria popolazione.

Ma loro non hanno colpa, era la mano più alta dell’uomo dell’assoluto, padrone di tutti i mali. Oggi qualcuno è libero come un bambino innocente, ma la gravosa sopraffazione effettuata su ogni individuo resta come merce di scambio, macchiata dall’alta polvere di fumo che ingialliva perfino le nostre nuvole. Quelle che stasera hanno riportato indietro come fossero ombre dilaganti sulle nubi più filanti, una storia mai dimenticata.

 Articoli di Claudio Castriotta

Calici di Puglia
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano
Casa di Cura San Michele

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati