Minacce al sindaco di Monte D’Arienzo. Teschio umano dentro un sacco

Oggi è una giornata triste, di quelle che vorresti cancellare.
È stata trovata dietro la porta della delegazione di Macchia una busta contente un teschio umano e minacce di morte rivolte a me, alla mia famiglia e all’assessore e amico Generoso Rignanese.
Un atto intimidatorio che ci riporta nello sconforto e che prova a seminare paura.
Ora siamo qui dai Carabinieri perché è solo con la legalità che si risponde a questi atti vili di chi prova a minare la serenità di un sindaco, di un assessore.
A queste persone voglio solo dire: non ci fermerete, noi andiamo avanti nel nostro lavoro; lo dobbiamo a noi stessi, alle nostre famiglie e alla comunità che ci ha dato fiducia.
Noi non ci rassegniamo.
Noi non ci arrendiamo!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*