Libero Palumbo si sfoga: “Luce fioca in città”

Pensavo, sinceramente, che dopo l’utile richiamo della Corte dei Conti e l’approvazione del piano di rientro in Consiglio Comunale, che mi ha procurato “qualche” notte insonne, la Politica riprendesse, in questa nostra incredibile città, finalmente vigore e senso civico.

Devo constatare invece che, persiste, imperterrito, un certo opportunismo politico ed una buona dose di inconcludenza gestionale, immagino con lo scopo, malcelato, di mantenere intatta la propria “rendita” politico-amministrativa in attesa di tempi migliori.

Devo confessare che sono turbato ed anche un pò infastitido nel notare come tante “alte” personalità cittadine ed anche alcuni importanti assessori, sembrano continuare a perseguire l’interesse di pochi invece di provare ad alleviare le difficoltà dei tanti.

Le buone idee, che dovevano diventare risorse per i concittadini: crescita culturale e sociale, attenzione ai più deboli, rigore morale per contrastare i “furbetti” che utilizzano la città come fosse loro proprietà, legalità e partecipazione democratica, sembrano ormai retaggio di noi sprovveduti della politica.

La Casa Comune ha bisogno di molti protagonisti, proprio per la sua complessità, e non può ben funzionare con l’impegno di “UNO” solo che gioca tutte le partite, spesso con “giocatori inadatti o fuori ruolo” pensando di riuscire a vincere sempre e comunque.

Più volte, insieme ad altri, si è detto che non bisogna mai scherzare con il destino di una città.
L’ASE, la gestione dei tributi comunali, l’ospedale cittadino, il mercato ittico, le manutenzioni, l’urbanizzazione dei comparti, la promozione turistica del territorio e i grandi eventi sono temi centrali ancora tutti da affrontare in modo serio e competente.

Non so il tempo utile che ci resta, tanti mi dicono, ogni giorno, che la città è sempre più delusa e ripiegata su se stessa e bisogna invertire la rotta; per questo il buon senso civico e la mia coscienza mi spingono a pensare, insieme a chi ne ha voglia, come costruire una “nuova” città protagonista del proprio furturo.

Libero Palumbo
Consigliere Comunale




One thought on “Libero Palumbo si sfoga: “Luce fioca in città”

  1. Michele

    Vorrei complimentarmi per l’articolo, mi è piaciuto tanto: “alte personalità cittadine ed anche alcuni importanti assessori, sembrano continuare a perseguire l’interesse di pochi invece di provare ad alleviare le difficoltà dei tanti”.Sono d’accordo con lei, in città si avverte tutto questo. Adesso bisogna far capire la cittadinanza che questi personaggi non bisogna votarli più.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*