fbpx
AttualitàEconomia

Foggia: spese e rimborsi, la Finanza indaga sull’Amgas

L’indagine riguarderebbe, tra le altre cose, avanzamenti di carriera apparentemente senza logica, col rischio di mettere Amgas nelle paradossali condizioni di disporre di molti funzionari e pochi tecnici (che invece rappresentano il valore aggiunto dell’azienda, tenuto conto del delicato lavoro di manutenzione delle rete);

Ma anche il caso degli smart meter, contatori di nuovissima generazione che avrebbero dovuto essere installati nelle case di 51mila foggiani, perlomeno stando all’obbligo di efficientamento imposto dall’Arera, ma che invece non sono stati mai nemmeno acquistati. Oltre alle multe elevate dell’autorità garante; ai mutui già in essere e quelli contratti durante l’amministrazione Landella; ai rimborsi di natura e a presunto beneficio personale; quindi l’annosa questione relativa al licenziamento dell’ex direttore Maurizio Iafelice, frettolosamente liquidato con motivazioni «tecniche» e che invece potrebbe nascondere un regolamento di conti tra apparati dell’ex amministrazione e lo stesso manager. Si apre un nuovo capitolo del consistente libro della cattiva gestione del bene pubblico, un capitolo che potrebbe aggiungere altre sorprese e rivelare nuove dinamiche del periodo che, nella storia della città, è già passato ai posteri come «Landellopoli».

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button