Politica Italia

Fine vita. Campo: “Serve una legge regionale per garantire una fine vita dignitosa a chi soffre”

Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Matteo Gentile
Domenico La Marca
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti

Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale 

“Preparati una buona morte”. È come si dice dalle mie parti per invitare chi si approssima al fine vita a recuperare serenità ed accettare l’inevitabile.

Ce ne sono di donne e uomini afflitti da sofferenze inenarrabili e irreversibili che vorrebbero prepararsi una buona morte e non possono farlo a causa dell’inesistenza di norme sul fine vita, ostacolate in Parlamento e nella società da convinzioni etiche e morali certamente legittime e altrettanto legittimamente contestate da chi è costretto in un letto di dolore da anni, se non decenni.

Toccasse a me, vorrei poter disporre della mia vita anche quando, purtroppo, non sia più tale. E non credo di essere l’unico a pensarla così a causa di convinzioni etiche e morali altrettanto legittime.

Ragione per cui, assumendo in pieno la responsabilità della funzione istituzionale di legislatore regionale, ho deciso di sottoscrivere la proposta di legge elaborata dal collega Fabiano Amati che ha come obiettivo l’inserimento dell’aiuto a morire, quando ricorrano specifiche e rigorose condizioni sanitarie, tra le prestazioni fornite dalle strutture pubbliche.

La decisione non è stata semplice e non sarà semplice sostenere il dibattito in Consiglio regionale.Eppure, va fatto.

Promo Manfredi Ricevimenti
Domenico La Marca
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Comunicato Stampa

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ilsipontino.netPer segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati