AttualitàCronaca

Faraglioni di Baia delle Zagare: a rischio crolli un simbolo della Puglia nel mondo

I faraglioni di Baia delle Zagare (ph: Matteo Nuzziello), uno dei simboli della Puglia in Italia e nel mondo, a rischio crolli. A segnalarlo, Pasquale Di Bari dell’associazione Italia Nostra Sezione ‘Terre dell’angelo’, il quale evidenzia che uno dei piloni del monumento naturale più fotografato ed amato del Gargano si è fortemente assottigliato.

“Il pericolo è emerso durante i rilevamenti per il progetto di messa in sicurezza della falesia di Mattinata – spiega Di Bari – Intervento fatto egregiamente, con la messa in opera di una rete di contenimento”. Ora, però, bisognerebbe intervenire per mettere in sicurezza anche i faraglioni.

Invece, “ad ottobre riprenderanno i lavori – continua con preoccupazione – ma con il ‘killeraggio della spiaggia’ e la morte della grande bellezza”.

Secondo il referente di Italia Nostra, anziché preoccuparsi di un urgente intervento di messa in sicurezza dei faraglioni di Baia delle Zagare per non perdere un’icona di bellezza della Puglia, ci si sta preoccupando ‘inutilmente’ del ripascimento di un litorale che proprio di ripascimento non avrebbe alcun bisogno.

“Il progetto prevede l’allargamento della spiaggia di 12 metri ed il ripascimento con ciottoli di grandi dimensioni, con diametro medio superiore ai 5 centimetri, trasportati da almeno 500 camion da una cava di Barletta. Per quale motivo non si capisce. Come non si capisce perché la Soprintendenza ed il Parco Nazionale abbiano autorizzato questo scempio”, denuncia Pasquale Di Bari. In realtà nel progetto come materiale indicato vi sono sassi arrotondati del diametro di 4.5 cm, che però non sarebbero disponibili, per cui “si vorrebbero utilizzare materiali di cava a spigoli vivi con diametro medio di 7.5 cm. Una follia!”.

La baia di Mattinatella rappresenta, con la sua spiaggia, un’eccellenza dei paesaggi marini del Gargano. Il sito internazionale Skyscanner l’ha di recente inserita al secondo posto fra le 10 spiagge più belle del Gargano. La sua peculiarità, oltre alle falesie e ai faraglioni, è senz’altro rappresentata dalla ghiaia fatta di ciottoli multicolori e dalle mille sfumature. “Ciottoli di pezzatura media di un centimetro di origine di selce e calcare, e non di rado si nota la presenza di piccoli sassi neri di origine vulcanica residui del vicino Vulture quando era ancora attivo”, evidenzia Di Bari, che fa notare come la spiaggia non abbia mai sofferto del fenomeno erosivo delle coste da parte del mare, risultando in equilibrio dinamico grazie ai venti di scirocco e grecale.

“Assordante è il silenzio del comune di Mattinata e della sua componente civica. Questo territorio, se non valorizza e tutela il suo patrimonio paesaggistico, quale turismo vuole promuovere? Quale futuro immagina per i propri figli?”.

di Maria Teresa Valente

Maria Teresa Valente

Giornalista pubblicista dal 2000 ed impiegata, esercita anche l’attività di mamma full time di due splendidi e vivacissimi bambini: Vanessa e Domenico. È nata e cresciuta a Manfredonia (FG), sulle rive dell’omonimo Golfo, nelle cui acque intinge quotidianamente la sua penna ed i suoi pensieri. Collabora con diverse testate ed ha diretto vari giornali di Capitanata, tra cui, per 10 anni, Manfredonia.net, il primo quotidiano on line del nord della Puglia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sull’immigrazione, ha conseguito un master in Comunicazione Politica ed è appassionata di storia. Per nove anni è stata responsabile dell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco di Manfredonia. Ancora indecisa se un giorno vorrebbe rinascere nei panni di Oriana Fallaci o in quelli di Monica Bellucci, nel frattempo indossa con piacere i suoi comodissimi jeans, sorseggiando caffè nero bollente davanti alla tastiera, mentre scrive accompagnata dalla favolosa musica degli anni ‘70 e ‘80.

Articoli correlati

Back to top button