fbpx
LibriStyle

Circe, il romanzo di Madeline Miller, Sonzogno 2019

Di una mortale ho la voce, che io abbia tutto il resto.

La Miller ricostruisce la vita della sua eroina a partire da un’infanzia triste vissuta alla corte del padre Elios, dio del sole, intrecciando la sua vita con molti dei più importanti protagonisti della mitologia greca: Prometeo, Glauco, Scilla, Dedalo, Ermes, Atena, Medea, Giasone e, naturalmente, Odisseo, l’eroe con cui condivide anche alcune fra le pagine più note e affascinanti del poema omerico che ne racconta il viaggio di ritorno a Itaca dalla guerra di Troia.

Circe è costretta dagli eventi a contare sulle proprie forze, scoprendosi maga potente tanto da saper fronteggiare pericoli provenienti da uomini violenti e potenti divinità. Nel romanzo è una ninfa, una dea, una maga, una figlia, una sorella, una madre, un’amante, ma soprattutto una donna.

Il romanzo è consigliato a chi ama la mitologia e a chi non dispiace che le vicende e i personaggi del mito siano rivisti, riadattati e allontanati dalla loro psicologia e dalle loro vicende originali.

Madeline Miller (Boston, 1978)

Madeline Miller ha studiato lettere classiche all’università di Brown University ed è stata insegnante liceale di latino e greco.

Nel 2011, dopo una stesura durata una decina di anni, pubblica La canzone di Achille, un romanzo dedicato alla storia d’amore tra Achille e Patroclo, per il quale nel 2013 vince il Women’s Prize for Fiction, premio a cui viene candidato anche il suo secondo romanzo Circe.

Back to top button