Cronaca Capitanata

Castriotta sul caso di Galak: “Non c’è tutela per gli animali”

Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche

PARTO dalla storia avvenuta ieri a” San Giovanni Rotondo”- relativa al cane morto  per strada  assassinato da un aguzzino . Caro Sindaco Crisetti , è giusto quello che lei dice, purtroppo non c’è una vera tutela per i cani – come se fosse un pezzo di cartone o un barattolo da prendere a calci.

Come posso spiegare a queste persone che i cani sono esseri viventi: il loro tragitto è come il nostro, breve o lungo che sia. Proprio uguale ad un altro essere venuto al mondo, il loro cuore batte come il nostro. Allora chi siamo noi per sopprimere la loro esistenza?

Chi vive nel mondo ha il dovere di essere civile, dunque rispettare le regole, allora cerchiamo di eliminare quella grande indifferenza che circola in ogni stato di terra dove tutto è un circolo continuo. Così per i bambini, così per i bisognosi che vivono per terra senza dignità e senza denti, così per donne zingare che girano con i bambini in braccio con la mano protesa in avanti, così per i bisognosi.

Allora siamo tutti figli di San Francesco, il più grande santo delle regole in favore della povertà. Per Francesco gli animali rappresentavano la vita più pura, migliore. Per concludere con vi racconto questa storia: nel lontano ’76 – ero un ragazzino  – mentre mi allenavo per una gara campestre, mi trovai nei pressi di una collinetta della cava dove di fronte mi trovai uno scenario stravolgente! Dieci,pensate, dieci cani impiccati a degli alberi verdi che piangevano conifera lungo i rami che li accarezzavano. Oggi come ieri: simbolo delle barbarie umane.

 di Claudio Castriotta

Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati