fbpx
Politica

UDC Manfredonia: sindaco cercasi

Scherzi a parte oggi è diventata una vera e propria “impresa” trovare un candidato a sindaco . 

È per questa tornata elettorale una vera e propria “missione impossibile” e la caccia è proseguita per mesi e per alcuni comuni continua ancora e si brancola nel buio a causa delle mancate intese sui nomi, dei veti incrociati tra partiti, che hanno indotto alla rinuncia e messo fuori gioco i possibili candidati più presentabili.

Ma perché per fare il sindaco in Italia è diventata una missione impossibile? Se lo sono chiesto in questi ultimi mesi politici, commentatori, sociologi e politologi, individuando alcune cause: innanzitutto i limitati poteri dei primi cittadini, che non incidono sulla vita della propria comunità; poi le innumerevoli ed eccessive responsabilità a cui è esposto ogni sindaco; infine si tratta di un’occupazione a tempo pieno, per giunta sottopagato, che scoraggia manager, alti dirigenti e professionisti di valore e con un buon reddito. Peraltro anche nell’ipotesi in cui si trovasse qualcuno disposto per mero spirito di servizio a sacrificarsi per la propria comunità, costui troverebbe ostacoli insormontabili da parte dei capibastone di turno preoccupati solo di garantirsi la propria sopravvivenza politica.

A seguito di questa vera e propria decadenza, soprattutto della cultura politica, si è imposto il modello delle candidature della cosiddetta società civile. Ma sono proprio queste, dopo la stagione della Seconda repubblica, che all’inizio aveva visto l’ingresso in politica di grandi professionisti, generali delle varie armi, manager di grande aziende, docenti universitari di prestigiose università, ecc. ecc., che mancano a causa dei fattori che elencavo all’inizio. “Chi me lo fa fare” se guadagno poco, se sono impegnatissimo a tempo pieno, che mi costringe a lasciare una professione gratificante sotto ogni punto di vista, se la carica non mi consente di contribuire al benessere della mia gente, ma mi espone spesso a denunce e avvisi di garanzia e, nello stesso tempo, non ho più il prestigio del passato, sono nel mirino della gente più insoddisfatta e spesso più incompetente… e tanto altro.

E si arriva a un vero e proprio cortocircuito: senza più fiducia nei partiti si cerca nella cosiddetta società civile ma dalla società civile non emergono più personaggi rappresentativi e allora si autocandidano, anche facendo risultare con trucchi e mezzucci “che tanti cittadini me lo hanno richiesto” le mezze figure di cui sopra che spesso poi l’elettorato è costretto ad ingoiare solo per spirito di appartenenza a uno schieramento politico.

Dunque siamo veramente messi male, ma l’UDC di Manfredonia ha grande fiducia nella maturità dell’elettorato, per cui non perdiamo le speranze in una rigenerazione della politica, che prima o poi arriverà nell’interesse del bene comune e di Manfredonia.

UDC DI MANFEDONIA

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button