fbpx
Ricette PrimiRicette SecondiTodoFood

Rotelle di ricotta e spinaci

Rotelle di ricotta e spinaci

0 from 0 votes
Recipe by ManfreChef Course: Dinner, LunchCuisine: ItalianDifficulty: Medium
Servings

4

servings
Prep time

1

hour 
Cooking time

15

minutes
Calories

525

kcal

Più della solita pasta al forno: queste rotelle vi faranno scoprire un nuovo modo di mangiare gli spinaci che forse non conoscevate.

Ingredienti

  • Ingredienti per la pasta
  • 150 grammi farina

  • 150 grammi semola

  • q.b. acqua

  • Ingredienti per il ripieno
  • 200 grammi ricotta

  • 200 grammi spinaci

  • 200 grammi prosciutto cotto

  • q.b. noce moscata

  • q.b sale

  • Ingredienti per il sughetto
  • 1 bottiglia passata di pomodoro

  • 1/2 cipolla

  • 2 cucchiai olio EVO

  • q.b. noce moscata

  • q.b. sale

Istruzioni

  • Lessate gli spinaci in acqua bollente per 10 minuti.
  • Scolate gli spinaci e frullateli con un frullatore a immersione.
  • Setacciate la ricotta e aggiungetela agli spinaci, insieme a prosciutto cotto a dadini, noce moscata e sale.
  • Impastate la farina e la semola con l’acqua.
  • Stendete la pasta e tagliate delle lunghe strisce.
  • Lessate le strisce di pasta in acqua bollente per un paio di minuti.
  • Sistemate le strisce di pasta su un piano, stendete il ripieno e ripiegate su sé stesse.
  • Formate delle rotelle arrotolando le strisce su sé stesse.
  • In una padella fate soffriggere la cipolla nell’olio.
  • Aggiungete al soffritto la passata di pomodoro, il sale e la noce moscata.
  • Sistemate le rotelle in una teglia e ricoprite con il sughero.
  • Infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per 15 minuti.

Hai realizzato questa ricetta?

Tagga @ilsipontino su Instagram e usa l’hashtag #TodoFood

Hai realizzato questa ricetta?

Like us on Facebook

Manfrechef

Siamo Lucia e Raffaella, abbiamo 22 anni, siamo di Manfredonia e siamo laureate rispettivamente in Lettere e Scienze Politiche. Stiamo proseguendo i nostri studi presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna e la Ca’ Foscari di Venezia. Viviamo da fuori sede e creiamo piatti senza pretese, per non morire di fame. Nel libero studiamo.

Articoli correlati

Back to top button