Quanta sabbia africana abbiamo sulle nostre teste?

Cielo giallastro, che a volte vira su tinte rosate se non addirittura rosse. Il responsabile è lui, lo Scirocco o il Ghibli, come viene soventemente chiamato. Passando sui deserti dell’Africa solleva grosse quantità di sabbia, anzi, produce autentiche tempeste in grado di azzerare quasi la visibilità. La sabbia, seguendo il circolo delle correnti, viene portata verso la nostra Penisola e non appena vi è una precipitazione, essa viene veicolata al suolo assieme alle gocce.

La famosa polvere del Sahara, che quando arriva tutto sporca. Le piogge rosse in passato sono sempre state associate a sventure future, presagi di anni nefasti e addirittura di ira degli Dei.

Negli ultimi anni, invece, si è scoperto che questa sorta di sabbia è un ottimo fertilizzante per il terreno. Le piogge rosse che cadono spesso in Italia con lo Scirocco sarebbero quindi un’ottima risorsa per i substrati.

Ma quanta sabbia abbiamo sulle nostre teste? Come si può notare dall’animazionesull’Italia le concentrazioni sabbiose diminuiranno, ma non scompariranno del tutto almeno fino a mercoledi 18.

https://dust.aemet.es/forecast

Le eventuali piogge sino a quella data saranno “sporche”.

 

tratto da http://www.meteolive.it/news/In-primo-piano/2/quanta-sabbia-africana-abbiamo-sulla-nostra-testa-guarda-la-mappa-e-l-animazione-all-interno-/72683/




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*