Manfredonia, nasce un bimbo all’ospedale

Abbiamo perso l’abitudine e, in ragione di ciò, assume ancora maggiore valore la notizia del parto, avvenuto questa mattina presso l’ospedale San Camillo de Lellis di Manfredonia, grazie al quale ha visto la luce il piccolo Emanuele.

Nella mattinata odierna, infatti, si è presentata al locale Pronto Soccorso, una signora manfredoniana che voleva effettuare il cosiddetto ‘tracciato’, visto che non mancava molto al giorno previsto per il suo parto. Il dottor Giovanni Lauriola e l’equipe pediatrica che lo coadiuva si sono resi subito conto che la gravidanza della concittadina in questione era ormai molto avanzata, così tanto da aver anticipato un po’ i tempi, rendendola pronta al concepimento del nascituro prima del previsto.

La professionalità e la dedizione dei pediatri sipontini, da vero giuramento di Ippocrate, hanno fatto sì che si svolgesse, in tempo reale e velocemente, una riorganizzazione dei compiti e dei doveri di ognuno. Lauriola, infatti, ammette che, “la signora aveva manifestato, nelle precedenti gravidanze, alcuni problemi che ci hanno imposto ancora maggiore premura nei suoi confronti. Non potevamo assolutamente trasferirla presso altre strutture ospedaliere, visto il rischio che si sarebbe corso. E, nonostante non siamo più attrezzati, continuiamo ad avere una postazione sempre pronta e in allerta per casi come questo. Ci è venuta utile, è venuta utile alla signora ed al suo piccolo”. Si provi ad immaginare, e non è difficile, cosa sarebbe successo se la signora si fosse presentata nottetempo al presidio ospedaliero sipontino.

Non possiamo dimenticare che il nuovo piano ospedaliero della Regione Puglia ha praticamente cancellato il nostro reparto di Pediatria. Sono rimasti due soli medici,costretti a turni di dodici ore, non è un refuso: dodici ore davvero, per cercare di offrire un degno servizio a tutta la popolazione pediatrica garganica. Specifichiamo. A tutta la popolazione del Gargano che va da Vieste sino a Zapponeta. Ergo, ai residenti vanno aggiunti anche i milioni di turisti che vengono a farci visita nel periodo estivo.

Può apparire un paradosso, ma è la verità: “Far continuare a funzionare il reparto pediatrico dell’ospedale di Manfredonia non ha nessun ulteriore costo per l’ASL foggiana”, dichiara il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi. ASL che, invece, resta sorda alle richieste delle comunità interessate da un taglio che non trova motivazione alcuna, nemmeno nella spending review, usata sempre più spesso e da più parti, come paravento per giustificare ben altro.

“Benvenuto, piccolo Emanuele. E tanti carissimi auguri alla tua mamma, al tuo papà ed a tutte le persone che si sono riempite di gioia nel saperti nato. Un ringraziamento – conclude il sindaco Riccardi – lo rivolgo al dottor Giovanni Lauriola ed all’intera equipe pediatrica: persone che hanno permesso che la nascita di Emanuele avvenisse in piena sicurezza e con la professionalità che ogni mamma si augurerebbe”.

Matteo Fidanza
Ufficio Stampa – Città di Manfredonia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*